Cos’è e come si usa un paper wallet

Tra i tanti tipi di wallet per Bitcoin il paper wallet è senz’altro quello più semplice e sicuro, ma non è facile da utilizzare per i neofiti. In questo articolo spieghiamo come creare autonomamente e usare un paper wallet, seguendo le linee guida di blockchain.info ed utilizzando il sito bitaddress.org per creare un indirizzo valido e la relativa coppia di chiavi pubblica e privata.

Un paper wallet non è nient’altro che un pezzo di carta sul quale vengono stampati gli indirizzi e le chiavi private. Dal momento che un indirizzo può essere utilizzato anche solamente per conservare dei Bitcoin, non è necessario nessun tipo di applicazione per riceverne, quindi un pezzo di carta può essere sufficiente. Anche per controllare il saldo è necessario conoscere il solo indirizzo e poi inserirlo su blockchain.info. Se vogliamo però effettuare delle operazioni in uscita allora sarà necessario utilizzare un software e immettervi anche la chiave privata.

Iniziamo con la creazione del paper wallet

Per creare un wallet è necessario scaricarsi un software che crei un indirizzo valido e che mostri la relativa chiave privata. Il sito https://www.bitaddress.org offre questo servizio in modo molto semplice ed intuitivo. È sufficiente aprire il sito per iniziare con la creazioni di numeri casuali (tramite il movimento del mouse) come potete vedere dalla schermata qui sotto:

Una volta finita la generazione casuale del codice alfanumerico il wallet verrà generato. La nostra interazione ha generato il seguente wallet:

Ora che la coppia di chiavi è stata generata potete stamparvele su un foglio e conservarle nel posto che ritenete più opportuno, l’importante è che sia il più sicuro possibile ed accessibile solo a voi. Ricordiamo che chiunque entri in possesso delle vostre chiavi non solo sarà in grado di vedere i vostri fondi ma sarà anche in grado di spenderli!!!

Come utilizzare il wallet e spendere i fondi

Ora che avete un indirizzo pubblico, potete usarlo per ricevere Bitcoin. Per verificare il saldo o lo stato del vostro indirizzo non dovete fare altro che immettere l’indirizzo su https://blockchain.info/ e vedrete il dettaglio delle transazioni.

Se volete però spendere i Bitcoin ricevuti, dovete affidarvi ad un software che vi permetta di creare delle transazioni. Ci sono diversi software p2p che potete installare sul vostro PC e che permettono di farlo, ma una delle vie più semplici è quella di creare un account su blockchain.info ed importare il vostro wallet utilizzando l’app disponibile sugli stores di android o Ios.

Se vuoi speculare sull'andamento delle criptovalute principali, clicca qui sotto:Confronto Piattaforme Broker >>

Come importare il vostro wallet

 Una volta scaricata l’app di blockchain vi si presenterà la seguente schermata:

Da questa schermata si può accedere al proprio account oppure creare direttamente un portafoglio. Scegliendo quest’ultima opzione vi verrà anche richiesto di creare un account e vi verrà affidato in automatico un nuovo wallet.

Noi però vogliamo importare il nostro paper wallet appena creato quindi scegliamo l’opzione per importarlo, ci verrà chiesto l’accesso alla telecamera con la quale dobbiamo inquadrare la chiave segreta. Così facendo il paper wallet verrà importato come si può vedere qua sotto.

Ecco il nostro portafoglio insieme a quello di default:

A questo punto siamo in grado di vedere i fondi ricevuti direttamente dal nostro cellulare, ma anche di spenderli (si consiglia di leggere bene le opzioni di protezione dell’app blockchain per evitare che qualcuno entri nel vostro wallet).

Conclusioni

 Il paper wallet è la forma più sicura per quanto riguarda la protezione da malwares: i vostri BTC si trovano su un foglio di carta che è più facile da proteggere dai virus! Se conservata correttamente, la coppia di chiavi pubbliche e private non sarà mai condivisa con alcun ente terzo,  perciò i vostri fondi non saranno alla mercé di alcun attacco hacker, come avviene invece spesso nel caso dei wallet online.

Il paper wallet deve però essere mantenuto in sicurezza e segretezza, altrimenti i fondi potrebbero comunque andare persi o venir rubati.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*