CRIPTO VALUTAQUOTAZIONE REAL TIMECARATTERISTICHERIFERIMENTI
BITCOIN  logo
EUR:
USD:
Freq. Difficulty Adj: 2016 blocks
Riduzione Block Reward: 50%
Algoritmo: SHA256
Indirizzo Twitter: @bitcoin
Sito Web: Bitcoin.org
Algoritmo Consensus: PoW
Visita Plus500 per investire su Bitcoin

 

GRAFICO TEMPO REALE BITCOIN


*I valori del grafico provengono da Poloniex.com e sono aggiornati ogni 2 minuti.

BITCOIN: Che cosa è?

Il Bitcoin è una valuta virtuale che utilizza la tecnologia P2P per effettuare degli scambi di valore senza l’intervento di alcuna Banca o Ente Centrale. Le transazioni e l’emissione di nuovi Bitcoin sono interamente controllati dalla rete. I Bitcoin sono la prima criptovaluta che è stata inventata. Storicamente il Bitcoin è la criptovaluta con la capitalizzazione più alta ed anche la quotazione più elevata per singolo token.

Il Bitcoin è ormai una realtà consolidata e sebbene la sua quotazione sul mercato subisca delle fluttuazioni anche piuttosto ingenti di tanto in tanto, fino ad ora questa valuta virtuale ha superato tutti gli ostacoli che ha dovuto affrontare. Essendo la valuta più scambiata, è anche abbastanza stabile sebbene sempre soggetta a cambi di valore repentini rispetto a valute FIAT.

L’algoritmo su cui si basa la blockchain dei BTC è il SHA-256 con Proof-Of-Work. Grazie a questo algoritmo si possono transare Bitcoin in maniera sicura e del tutto anonima. I conti Bitcoin infatti sono mantenuti da un ledger pubblico e sono assegnati ad un indirizzo, non ad una persona o ad un ente. La blockchain tiene traccia di tutte le transazioni fatte dall’inizio della creazione del primo BTC ed in questo modo, risalendo la blockchain, si può garantire che un determinato indirizzo abbia i fondi necessari per compiere o meno una determinata transazione.

Se vuoi speculare sull’andamento di Bitcoin la piattaforma Plus500 offre la possibilità di effettuare trading sul cross BTCUSDVisita Plus500 per investire su Bitcoin

Le transazioni prevedono il trasferimento di Bitcoin tramite degli appositi software che mascherano la complessità della blockchain sottostante: i cosiddetti Wallet. Ogni wallet mantiene una chiave privata (o seed) che viene utilizzata per firmare la transazione fornendo la prova che i BTC provengono dal possessore del wallet. La firma serve anche a prevenire che la transazione possa essere cambiata da qualsiasi terzo che la intercetta. Tutte le transazioni possono quindi essere rese pubbliche tra i partecipanti alla blockchain che solitamente le confermano, ogni 10 minuti, tramite un processo denominato mining.

Il mining serve appunto a confermare una transazione ed anche a creare nuovi Bitcoin. Il mining consente inoltre che una transazione sia confermata in modo neutrale da tutti i computer che fanno parte della rete, senza possibilità che i blocchi che compongono le transazioni vengano modificati. Per far ciò la blockchain utilizza un meccanismo tipo lotteria, che rende molto difficile ad un singolo o ad un gruppo il controllo dei blocchi da includere nella blockchain e quindi rende la rete Bitcoin molto difficilmente hackerabile.

BITCOIN: Come investire?

Per investire sul Bitcoin ci sono diverse opzioni, alcune più semplici ed altre più complesse. Innanzitutto iniziamo col dire che la differenza principale sta nella possibilità di possedere il token del Bitcoin, ovvero il BTC, oppure investire speculando sull’andamento del prezzo.

Per possedere il BTC è necessario registrarsi su di un exchange, ce ne sono di più o meno famosi tra i quali citiamo coinbase e bitstamp. Una volta completata la registrazione, durante la quale la piattaforma vi chiederà tutte le verifiche di sicurezza per adempiere alle normative Know-Your-Customer, sarà possibile effettuare un deposito. Il deposito viene solitamente accettato a mezzo di bonifico bancario o carta di credito, ad ogni modo i metodi di deposito variano a seconda della piattaforma. Quando i fondi depositati saranno disponibili sulla piattaforma, potrete effettuare una transazione per acquistare BTC, e vedrete apparire, a fianco all’indirizzo BTC che vi è stato assegnato, il corrispettivo in Bitcoin che avrete acquistato. Se avete ultimato tutti questi passaggi, avrete diverse opzioni per conservare i vostri BTC. C’è anche la possibilità di lasciarli sull’exchange, ovviamente, ma questa è poco raccomandabile in quanto, se l’exchange fallisse o dovesse in qualche modo essere hackerato, perdereste l’intera disponibilità dei vostri BTC. La soluzione migliore per mantenere i BTC è quindi quella di mantenerli su di un wallet, sia esso un hard wallet, un wallet web come quello di https://blockchain.info o più semplicemente un paper wallet.

Per speculare sul Bitcoin, invece, non è necessario possedere il token e gestirlo tramite un wallet, ma basta affidarsi ad un servizio di trading che preveda il bitcoin tra gli asset che è possibile scambiare. Uno dei modi più semplici e sicuri è quello di affidarsi ad un broker forex o ad un broker finanziario registrato e regolamentato da Consob o altri enti internazionali. Uno di questi è eToro . Per fare trading tramite una di queste piattaforme è comunque necessario registrarsi e passare tutti i livelli di verifica delle informazioni prima di depositare e, infine, vedersi accreditati i propri soldi sul conto. Va detto che, trattandosi di piattaforme regolamentate e che sono nel business da diversi anni, la fase del Know-Your-Customer e quella di deposito solitamente sono più brevi rispetto all’exchange medio. Anche le opzioni di deposito sono solitamente più ampie, potendo utilizzare anche gran parte dei sistemi di pagamento online, come paypal o skrill, che oggi sono molto utilizzati per questo genere di operazioni. Una volta arrivato l’accredito, sarà possibile speculare piazzando una o più operazioni sul Bitcoin. Il vantaggio che si ha nella speculazione con broker forex è la speculazione al ribasso, ovvero il trading short. Lo svantaggio è quello di non possedere il bene, pertanto questa opzione si adatta meglio a coloro che vogliono operare sul breve termine.

BITCOIN: Ultime News
  • Il Mercato sotto la Lente BTCUSD & BTCEUR – 19 Novembre 2018 - BTCUSD Rispetto alla precedente analisi Bitcoin è sceso al di sotto del supporto a 5.900 dollari, raggiungendo un minimo di 5.188 dollari, fornendo un market timing agli investitori desiderosi d’acquisto ai livelli più bassi. Nulla lascia presagire che il forte ipervenduto possa impedire altre vendite su un asset in evidente difficoltà. Dal lato prettamente tecnico i livelli di deviazione standard [...]
  • Zig Zag, l’indicatore grafico delle tendenze - Lo zig zag è uno strumento di analisi dei mercati finanziari, compresi quelli criptovalutari, piuttosto importante. L’ indicatore, in dotazione alle migliori piattaforme di trading, è stato creato da Art Merrill e da John Mc Ginley della Technical Trends. Si tratta di una metodologia che consente ai traders di filtrare le oscillazioni minori dei prezzi, ritenute meno significative. Lo scopo [...]
  • Bitcoin Cash (BCH): cos’è, a cosa serve e qual è la storia del primo fork di bitcoin - Bitcoin Cash (comunemente indicato dalla sigla BCH sui maggiori exchange) è stabilmente una delle prime dieci altcoin per capitalizzazione di mercato e sin dalla sua nascita, avvenuta ormai poco più di un anno fa, è stata una delle criptovalute più controverse del settore; le polemiche relativamente a questo fork di bitcoin si susseguono ancora oggi e questa moneta divide gli [...]
  • IL DIZIONARIO DELLE CRIPTOVALUTE (PARTE 2) - Completiamo questa sorta di alfabeto delle criptovalute, iniziato la scorsa settimana, allo scopo di fornire ai neofiti dei mercati virtuali una base di partenza sulla quale cominciare ad informarsi, prendendo confidenza con ciò che a parere di molti osservatori sarà il denaro del futuro. N per Nakamoto Satoshi Satoshi è con molta probabilità l’inventore di Bitcoin. Sembra infatti che la [...]
  • Monero (XMR): impariamo a conoscere la regina delle criptovalute anonime - Monero è sicuramente una delle criptovalute più conosciute, almeno di nome, dal grande pubblico; stabilmente piazzata tra le prime dieci altcoin per capitalizzazione di mercato XMR è ad oggi anche una delle prime cripto con cui i neofiti tentano l’approccio (insieme ovviamente a bitcoin, ethereum e ripple). Come spesso accade nel mondo delle criptovalute il numero di persone che pur [...]
  • Il Mercato sotto la Lente BTCUSD & BTCEUR – 14 Novembre 2018 - BTCUSD I lenti movimenti della coppia BTCUSD non favoriscono l’apprezzamento di Bitcoin contro il dollaro americano. Nello specifico, su grafitazione a 240 minuti, la divisa digitale più importante del mercato virtuale è condizionata dalla resistenza offerta dalla media mobile corta a 21 periodi, che ha portato ad una riduzione delle posizioni in acquisto. Al momento, infatti, solo il recupero ed [...]
  • Le regole di Gann e la legge della vibrazione nel trading - Non esiste in realtà una definizione esatta di quella che lo stesso Gann (William Delbert Gann 1878 – 1955) chiamava “ la legge della vibrazione”, ma nonostante ciò, il fondamento del metodo che prende questo nome, è in grado di semplificare molto l’attività del trader. Gann attribuiva grande importanza a quelle fasi di negoziazione in cui mancava una tendenza vera [...]
  • Il Mercato sotto la Lente BTCUSD & BTCEUR – 12 Novembre 2018 - BTCUSD Il principale cambio criptovalutario seguita a scambiare all’interno di una fascia ristretta di valori. Tuttavia se prima gli oppositori hanno evidenziato come la forte volatilità fosse un deterrente per l’adozione di massa, ora la criptovaluta può alimentare differenti attenzioni da parte degli investitori. L’asset in questione, in effetti, potrebbe aver acquisito maggiore solidità sopra determinati livelli di mercato e [...]
  • Smart contracts: cosa sono, quali sono le loro applicazioni e perchè vengono considerati così rivoluzionari - Di smart contracts ci siamo occupati spesso e volentieri in numerosi articoli, tuttavia da quello che leggo sui social mi viene spontaneo pormi il problema che forse ogni volta che abbiamo toccato l’argomento l’abbiamo fatto dando arbitrariamente per scontato che i lettori fossero al corrente di cosa stessimo parlando. Che ci si ritrovi immancabilmente a parlare di smart contracts ogni [...]
  • Medie mobili a confronto sulle piattaforme di trading - Tra gli indicatori più popolari ed efficaci troviamo senz’altro le medie mobili. Il fine delle medie mobili è quello di ridurre al minimo le fluttuazioni del mercato, allo scopo di depurare le quotazioni dalle distorsioni generate dal nervosismo degli operatori, il cosidetto rumore del grafico, rendendo la tendenza più chiara e regolare e quindi di più facile interpretazione. Ci sono [...]

Qui trovi la nostra guida ai bitcoin in 9 articoli >>

Loading data ...
Comparison
View chart compare
View table compare