Su quale criptovaluta scommettere? Proviamo a stabilire insieme alcune regole di base per i nostri cripto-investimenti

Su quale criptovaluta scommettere è una delle prime cose che i neofiti mi chiedono se vengono a scoprire che opero in questo settore ormai da anni; non esiste una sola risposta a questa domanda, dipende tutto dalla persona a cui la state ponendo. In linea di massima il grosso degli appassionati risponderebbe che l’unica moneta su cui valga la pena scommettere è bitcoin, le cose però non stanno esattamente così; a fare la differenza è prima di tutto che tipo di investimento si ha in testa, poi di conseguenza si può scegliere su quale moneta puntare. Per chi avesse una scarsa propensione al rischio e non puntasse a fare profitti necessariamente astronomici bitcoin rimane comunque la moneta più sicura su cui scommettere; intanto è la prima criptovaluta del mercato, sia per anzianità che per capitalizzazione, e poi è la più diffusa e la più usata. Ovviamente non ci si può più attendere i profitti astronomici di una volta da BTC, se consideriamo infatti che le quotazioni attuali sono intorno ai 10mila dollari anche ipotizzando schizzassero a 100mila dollari sarebbe un profitto di dieci volte la posta, alto, certo, ma neanche lontanamente paragonabile ai profitti realizzati da chi ha comprato anni fa. Chiaramente per inseguire il colpo della vita, quello che cambia le cose per sempre, bisogna invece orientarsi a una moneta meno solida di bitcoin e prendersi qualche rischio; l’altra cosa che occorre considerare è l’orizzonte di tempo in cui si intende agire. Se l’idea è quella di entrare ed uscire dal mercato nel giro di qualche settimana o mese allora si sta facendo sostanzialmente del trading, un investimento ha necessariamente un orizzonte temporale più lungo. Monete a bassa capitalizzazione, che oggi valgono pochi centesimi di dollaro, in un periodo di tempo moderatamente lungo, diciamo dai cinque ai dieci anni, potrebbero regalare realmente profitti da capogiro; immaginiamo anche solo di comprare 100$ di una moneta che oggi vale 0.10$, se da qui a dieci anni quella stessa moneta arrivasse a valere anche solo 10$ i nostri 100$ di investimento sarebbero diventati 10mila. Questo ci aiuta a capire quanto comunque il capitale iniziale sia importante, per arrivare a guadagnare cifre importanti con investimenti di piccola entità, come appunto il centinaio di euro, bisogna avere anche un po’ di fortuna ed investire su monete che dovranno avere realmente un enorme successo, se non superiore quanto meno paragonabile a quello di bitcoin. Per puntare in alto, senza doversi affidare troppo alla fortuna, bisogna orientarsi a investire cifre nell’ordine di qualche migliaio di euro, 2mila euro puntate sulla moneta giusta possono facilmente diventare 200mila nel giro di una decina d’anni; il problema, quindi, diventa capire quale sia la moneta giusta, cosa che chiaramente è impossibile. L’unica cosa che possiamo fare è definire alcune caratteristiche di base che un progetto deve avere per attirare la nostra attenzione e comunque di garantito in mano non avremo nulla; in un periodo di tempo lungo, come sono dieci anni, può realmente succedere di tutto e un progetto che oggi appare assolutamente solido può finire a gambe all’aria e lasciarci con un pugno di mosche in mano. Ovviamente è comunque necessario restringere la cerchia dei progetti potenzialmente interessanti su cui investire e dato che questo ci aiuta anche a ridurre il rischio di perdere il nostro investimento tanto vale dedicarsi a fare bene le nostre ricerche e raccogliere tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno per prendere una decisione oculata. La prima cosa che dobbiamo fare, quindi, è leggere il white paper, partendo però sempre dal presupposto che non è mai il caso di prendere per oro colato ciò che troviamo scritto in questo documento; l’altra cosa da fare e tentare di comprendere chi sono le figure chiave dietro a un determinato progetto e definire quanto le reputiamo affidabili (del resto gli stiamo affidando i nostri soldi). Dietro ad ethereum, giusto per fare un esempio banale, abbiamo Vitalik Buterin, di conseguenza chi investe in ethereum tende a seguire molto da vicino quello che fa e quello che dice il suo principale sviluppatore; oltre questo anche eventuali partnership con altre aziende sono da prendere in considerazione, così come le piattaforme di scambio che offrono la quotazione. Insomma, quello che dobbiamo fare, molto banalmente, è una specie di analisi fondamentale per renderci conto se consideriamo possibile che quel determinato progetto sopravviva alla prova del tempo accrescendo il proprio valore. Occorre però fare molta attenzione perché se anche si fanno tutte queste valutazioni ma si sbaglia il momento per acquistare il rischio e di finire così tanto sotto pressione da decidere di vendere consolidando perdite importanti; per capirci meglio sarà il caso di fare un esempio concreto. Tra le varie monete che spesso abbiamo segnalato su questo sito per essere tra le più interessanti per un investimento di lungo periodo c’è BAT, il token agganciato al browser per la navigazione online BRAVE; questo progetto ha tutte le carte in regola per un investimento di lungo termine, ha alle spalle un gruppo di professionisti riconosciuti, un prodotto concreto che è già sul mercato ed è molto apprezzato da chi lo usa, un piano industriale di crescita concreto e plausibile. Eppure se qualcuno avesse acquistato BAT ad aprile di quest’anno (quando quotava sui suoi massimi a 0.40$) ora si ritroverebbe ad aver perso metà dell’investimento (dal momento che attualmente BAT quota a meno di 0.20$); il momento in cui si decide di comprare, quindi, è fondamentale, così come il momento in cui si decide di vendere. Se, sempre per fare un esempio, avessimo venduto bitcoin ad aprile, quando quotava intorno ai 6mila dollari dopo aver comprato il fondo di dicembre a 3mila dollari avremmo si raddoppiato il nostro investimento ma ci saremmo persi la corsa che successivamente ha portato le quotazioni fino a 14mila dollari. Non è quindi mai solo questione di scegliere il progetto giusto, è anche e per certi versi soprattutto una questione di tempismo; se volete guadagnare soldi investendo in criptovalute, quindi, scordatevi che possa bastare trovare il guru giusto online che vi passi delle dritte infallibili, non è così che funziona, riuscirete a fare profitto in questo settore solo se saprete perfettamente cosa fare e quando farlo. Vi tocca, in altre parole, imparare a investire il vostro denaro.