Ripple – la sesta cryptovaluta per capitalizzazione

Ripple (XRP) era la terza cryptovaluta per capitalizzazione di mercato nel 2016, posizionandosi subito dopo Ethereum, mentre attualmente si trova al sesto posto, quindi comunque nella top 10. La sua  nascita  risale al 2004 ad opera di uno sviluppatore web di nome Ray Fugger, che ideò il predecessore dei Ripple.

Ray Fugger sviluppò la cryptovaluta mentre stava lavorando ad un sistema di transazione nella città di Vancouver. L’idea iniziale di Fugger, che a dire il vero oggi è un po’ alla base di tutte le cryptovalute, era quella di creare un sistema decentralizzato dove ogni individuo potesse creare e scambiare la propria moneta con gli altri individui della comunità.  In poche parole ogni individuo avrebbe avuto la possibilità di creare la propria economia con una propria moneta.

Successivamente il progetto è stato ripreso e sviluppato da OpenCoin, una startup finanziata da diversi venture capital, che nel 2012 ha lanciato definitivamente sul mercato la cryptovaluta Ripple. Volendo effettuare un benchmark con i Bitcoin, possiamo passare in rassegna gli aspetti che le due monete virtuali hanno in comune.

La decentralizzazione

In verità questo aspetto è alla base di tutte le cryptovalute, ma anche i Ripple sfruttano questo tipo di beneficio. Il vantaggio rispetto ai sistemi tradizionali di pagamento è evidente: le informazioni non risiedono in un unico luogo ma bensì vengono distribuite in diversi luoghi.

Open Source

Entrambi i progetti sono open source, quindi possono essere rimodellati dagli sviluppatori in base alle  proprie esigenze.

Eliminazione degli intermediari

Anche in questo caso  Ripple si comporta come i Bitcoin, eliminando completamente qualsiasi forma di intermediazione attraverso un sistema pear to pear.

Crittografia

Anche i Ripple come i Bitcoin godono di elevati standard di sicurezza tali da evitare qualsiasi fenomeno di duplicazione e di falsificazione. Ogni hash è unico ed ogni transazione viene registrata in un apposito registro che può essere consultabile in ogni momento.

In certo senso i Ripple ricalcano l’idea che sta alla base di tutte le cryptovalute, fatta eccezione per il numero massimo di monete messe in circolazione che è fissato a 100 miliardi di Ripple conto i 21 milioni dei bitcoin.

Un’altra differenza sostanziale tra i Bitcoin e i Ripple è la fee applicata alle transazioni: i Ripple attualmente hanno transazioni piuttosto basse.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://valutevirtuali.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Broker Trading Criptovalute

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 50€
Regulated CySEC License 247/14
Conto di pratica gratuito da 10.000€
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Piattaforma Trading N.1
Fineco
Quotazioni in tempo reale
Previous 25
Next 25
CoinPriceMarketcapSupplyChange (24H)
Crypto.com Bonus
Cripto.com - Bonus di 25$
Vuoi conoscere le crypto? Iscriviti per leggere le ultime news Crypto in anteprima No Sì, certo