Ripple: Bank of America deposita un brevetto ispirato a XRP

La Bank of American ha depositato un brevetto su Google Patents per un sistema di pagamento basato su tecnologia DLT e chiaramente ispirato a Ripple; il brevetto è teso a creare un sistema per la gestione istantanea delle transazioni attraverso un libro mastro decentralizzato e cita espressamente ripple per mezzo di diverse illustrazioni. Pubblicato lo scorso 6 Giugno se ne sta parlando solo ora nel momento in cui ci si è resi conto del fatto che questa notizia potrebbe avere un effetto sul prezzo di XRP se non altro perché lascia intendere che un nuovo, agguerrito concorrente potrebbe fare a breve il suo ingresso sul mercato. E’ comunque presto per dire se davvero Bank of America ha intenzione di sviluppare una propria piattaforma e lanciarla sul mercato o se non si tratta di un semplice strumento a cui stanno pensando per semplificare l’operatività tra le varie filiali, fatto sta che la notizia ha suscitato qualche clamore anche in virtù del fatto che in termini di prezzo ripple negli ultimi tempi non è che stia brillando particolarmente. Nei primi mesi di questo 2019 ripple si era fatta nota per il grande sforzo profuso nell’ottenere partnership di rilievo tese a favorire la diffusione di XRP come mezzo di pagamento, dopo però che s’è diffusa la notizia di una partnership con moneygram questa moneta sembra un po’ scomparsa dai radar degli investitori e ha iniziato a soffrire non più solo sul fronte del prezzo ma anche su quello delle news. In particolare la sensazione è che ripple sia stato tra i progetti che più hanno patito il lancio di libra, la moneta a cui sta lavorando facebook e la cui presentazione risale ormai a circa un mese fa; molti osservatori, infatti, hanno posto questa nuova moneta nello stesso segmento di mercato di ripple, di conseguenza si percepisce, persino tra gli investitori più convinti, una certa inquietudine relativamente al destino di ripple nel momento in cui libra verrà ufficialmente lanciata sul mercato e le due criptovalute inizieranno a contendersi effettivamente gli utenti. Resta comunque prematuro fasciarsi la testa prima del tempo, non resta che aspettare per vedere se effettivamente la nuova cripto di facebook concorrerà con ripple e se, soprattutto, esiste un rischio effettivo per XRP di venire spazzata via dall’avvento di libra.