Regolamentazione Crypto: secondo le previsioni la svolta sarà nel 2024

Una moneta di Bitcoin nel palmo di una mano, e sotto di essa un grafico con una freccia
Il 2024 sarà l'anno della svolta nella regolamentazione delle crypto - ValuteVirtuali.com

Il 2024 si prospetta come l’anno della svolta per la regolamentazione delle criptovalute, con particolare attenzione all’Unione Europea e alle dinamiche geopolitiche mondiali. Se cerchiamo online maggiori info sull’argomento, troviamo diverse previsioni e analisi che suggeriscono che potremmo assistere a sviluppi significativi in questo settore, con significativi progressi sulla strada di una maggiore chiarezza normativa.

Potrebbe anche interessarti: Criptovalute e Fisco: come funzionano le tasse su Bitcoin in Italia >>

MiCA: la nuova frontiera della regolamentazione crypto in Europa

Un fatto indiscutibile è che il 2024 vedrà l’entrata in vigore del MiCA, l’acronimo di “Markets in Crypto-Assets.” Questa regolamentazione crypto, recentemente approvata dall’Unione Europea, sarà effettivamente applicata dall’anno successivo. Tale prospettiva rappresenta una pietra miliare per due ragioni fondamentali.

  • Primo Motivo: la prima regolamentazione crypto dell’UE
    Innanzitutto, il MiCA segna un evento epocale essendo la prima regolamentazione crypto dell’Unione Europea. Questo conferma l’impegno dell’UE nel plasmare un quadro normativo chiaro e coeso per il settore delle criptovalute.
  • Secondo Motivo: l’UE come precursore globale
    In secondo luogo, l’Unione Europea, con l’implementazione del MiCA, si posiziona come il primo contesto geopolitico di rilevanza globale a dotarsi di una regolamentazione crypto completa. Questo è particolarmente significativo se confrontato con gli altri due attori geopolitici principali, gli Stati Uniti e la Cina, che ancora devono stabilire normative chiare per il settore delle criptovalute.

Il processo di regolamentazione crypto nei vari Paesi del mondo

A livello mondiale, le regolamentazioni crypto sono finora limitate a giurisdizioni più contenute, come la Svizzera, pioniere in questo settore, gli Emirati Arabi Uniti e El Salvador. Al contrario, molti paesi non hanno ancora adottato una regolamentazione crypto specifica, situazione simile a quella degli Stati Uniti e della Cina.

Un’interessante eccezione si trova in Asia, soprattutto in Giappone e Corea del Sud, dove già esistono leggi specifiche, soprattutto per quanto riguarda le piattaforme di scambio (exchange).

Al contrario, l’India si trova in uno stato di indecisione, con la politica ancora in cerca di un approccio definitivo verso il settore crypto. Nel contesto russo, invece, il 2024 potrebbe segnare un momento chiave per l’approvazione di una regolamentazione crypto, anche se la sua piena attuazione potrebbe slittare al 2025.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, la questione della regolamentazione delle criptovalute è stata oggetto di dibattito politico. Attualmente, un disegno di legge è in attesa di una maggioranza per essere approvato, ma nel 2024 potrebbero emergere nuovi scenari. Le elezioni presidenziali previste a novembre potrebbero portare un cambiamento significativo, con i repubblicani che sembrano favoriti. Se ciò si verificasse, potremmo assistere a una svolta nella posizione degli Stati Uniti sulla regolamentazione delle criptovalute.

Anche in Cina, potrebbero verificarsi sviluppi interessanti. A Hong Kong, sono in corso esperimenti che potrebbero portare all’elaborazione di un quadro normativo completo sulle criptovalute nel 2024. Tuttavia, è importante notare che Hong Kong, sebbene parte della Cina, gode di una certa autonomia legislativa. In Cina mainland, la situazione potrebbe evolvere seguendo l’esempio di Hong Kong, ma nulla è certo.

Il ruolo della SEC negli Stati Uniti

Attualmente negli Stati Uniti, le criptovalute sono governate da leggi generiche, e la SEC (Securities and Exchange Commission) svolge un ruolo chiave nell’applicarle. Nonostante la mancanza di una regolamentazione specifica, la SEC sta per approvare l’introduzione negli USA di ETF su Bitcoin spot. Questo potrebbe essere un segno di cambiamento, indicando che anche senza una regolamentazione completa, le autorità statunitensi stanno prendendo misure per gestire il settore delle criptovalute.

2024: L’Anno della Regolamentazione Crypto

Il 2024 sembra promettere importanti sviluppi nella regolamentazione delle criptovalute. Nell’Unione Europea, dove già esiste un quadro normativo specifico, ci aspettiamo ulteriori approfondimenti. Anche in Russia e, forse, ad Hong Kong, potrebbero essere adottati nuovi regolamenti. Negli Stati Uniti, la vittoria dei repubblicani potrebbe segnare una svolta nella posizione sulle criptovalute. In Gran Bretagna, la creazione di una regolamentazione crypto è in corso, mentre in India la situazione rimane incerta.

Il 2024 si prospetta quindi come l’anno nel corso del quale si verificheranno notevoli cambiamenti nella regolamentazione delle criptovalute a livello globale. Mentre alcuni Paesi stanno adottando quadri normativi chiari, altri stanno esplorando nuove direzioni. La SEC negli Stati Uniti potrebbe giocare un ruolo cruciale, anche senza una legge specifica.

L’anno potrebbe segnare l’inizio di una fase di regolamentazione più ampia, con il biennio 2024/2025 che potrebbe consolidare ulteriori cambiamenti nel panorama delle criptovalute. Restiamo in attesa di vedere come questi sviluppi influenzeranno il settore e gli investitori in tutto il mondo.

Se vuoi comprare le tue prime criptovalute puoi farlo nei migliori exchange autorizzati ad operare in Italia. In particolare consigliamo Binance, che ti permette di comprare e scambiare oltre 350 crypto.

Scopri anche Binance Earn: l’hub unico di Binance dove puoi trovare riunite tutte le tue possibilità di guadagno disponibili per te e per le criptovalute che detieni. Inoltre se sei un Hodler hai interessanti prospettive che ti suggeriamo di valutare direttamente sul sito ufficiale di Binance.

Iscriviti subito per creare il tuo wallet gratuitamente!


E per scoprire quali sono le reali prospettive di guadagno nel mercato delle criptovalute, ma senza correre rischi, puoi provare ad aprire un conto gratis sul broker eToro.

eToro offre agli investitori, sia principianti che esperti, un’esperienza di trading di criptovalute completa, su una piattaforma potente ma facile da usare. Scopri anche il servizio di staking, guarda crescere le tue criptovalute mentre fai holding. Con eToro inoltre, puoi utilizzare le funzionalità di social trading per connetterti con oltre 20 milioni di utenti in tutto il mondo e trovare i migliori trader di criptovalute da copiare.

Clicca qui per creare il tuo account gratuito per provare eToro


In alternativa puoi affidarti a Fineco, che offre nuove opportunità di trading su strumenti con sottostante le criptovalute più conosciute, come Bitcoin ed Ethereum, direttamente dal tuo conto e senza alcun portafoglio secondario.

Inoltre si tratta di un broker online italiano che agisce come sostituto d’imposta, semplificando la vita del trader sotto il profilo fiscale.

Clicca qui per iniziare a fare trading su Bitcoin con Fineco

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram
Piattaforma Trading N.1
Fineco
Quotazioni in tempo reale
Previous 25
Next 25
CoinPriceMarketcapSupplyChange (24H)
Crypto.com Bonus
Cripto.com - Bonus di 25$