Investire in criptovalute: come e dove fare trading

Ormai è chiaro. Comprare oro o in altri asset per fare trading non è abbastanza conveniente quanto investire in criptovalute.

Secondo recenti studi, infatti, se avessi investito $10,000 in bitcoin nel 2010 ora saresti multimilionario, mentre se avessi investito la stessa cifra in oro, ad oggi ci avresti perso (poco ma avresti perso).

Detto questo, è anche vero che bitcoin è solo una delle valute virtuali su cui potresti decidere di investire.

Oggigiorno le criptovalute sono centinaia, e nuovi token vengono creati ogni giorno.

Tralasciando il fatto che tu debba stare attento al fatto che non si tratti di scam e schemi ponzi, potresti potenzialmente investire in decine e decine di altcoin allo stesso tempo.
Tutto dipende da quanto tempo hai a disposizione e da qual è il tuo budget.

Il tempo è, infatti, un elemento chiave per questo tipo di investimenti. Se non hai sufficiente elasticità nella gestione del tuo tempo puoi anche lasciar perdere il trading in cripto.

Dico questo perché il mercato è molto volatile e nel giro di un giorno il prezzo delle altcoin può variare anche fino al 50%.

Ovviamente, dedicandoci abbastanza attenzione, questa può essere la faccia positiva della medaglia poiché, sfruttando il repentino aumento o diminuzione dei prezzi, potresti ottenere dei risultati anche in brevissimo tempo.

Un piccolo alert, però. Non investire mai più di quanto tu non sia disposto a perdere, almeno nel breve termine.

La volatilità

Per chi è ancora alle prime armi, la volatilità è la tendenza a variazioni accentuate e imprevedibili.
Come dicevo, questo può essere un aspetto sia positivo che negativo delle criptovalute, che sono, infatti, molto volatili.

Questo può sia farti guadagnare in poco tempo, sia farti perdere tutto in pochissimo tempo.

Prendendo l’esempio del più famoso bitcoin, la sua crescita dal 2008 ad ora è quasi esponenziale, considerando il lungo termine.

Ma se avessi investito nel breve termine avresti anche potuto perdere molti soldi.

Cinque regole da tenere a mente

Qualche piccolo consiglio per scegliere la tua criptovaluta ideale.

Scegli una criptovaluta decentralizzata, in modo che tu possa essere sicuro che sia meno soggetta a pump e dump controllati da un solo ente che vuole scammare tutti e scappare via col bottino;
Se scegli una cripto non decentralizzata va bene, ma assicurati che il team sia ben riconosciuto, che il servizio clienti sia efficiente e che non si tratti di una truffa. A questo proposito evita tutti i progetti che ti chiedono su facebook di investire nella loro nuova rivoluzionaria criptovaluta e che promettono guadagni assurdi in poco termine;
Investi in criptovalute che hanno una storia dietro e che magari non sono state create il giorno prima;
Informati il più possibile sul web. Lo so, è scontato, ma lo è talmente tanto che spesso la gente non lo fa. Googla all’infinito vita, morte e miracoli della criptovaluta su cui vuoi investire finché tu non sia sicuro che non ci siano precedenti di truffe (puoi usare truffacoin.it, per esempio);
Le più importanti cripto del mercato si contano sulle dita di una mano, e sono tra le prime posizioni per market cap nella classifica di Coinmarketcap. Affidati alle prime 5/10 della lista se vuoi essere un po’ più sicuro che non si tratti di un token inaffidabile.

Tenuti presenti questi cinque punti – che possono tutti essere ovviamente soggetti a discussione e vanno presi con le pinze come sempre quando si tratta di trading e investimenti – passiamo a vedere come si possono vendere e comprare criptovalute.

Le piattaforme di exchange e di forex

Anche in questo caso bisogna tenere presente che non tutti gli exchange in circolazione sono affidabili.
Identifichiamo quindi quali sono i più affidabili.

A mio parere le tre piattaforme più sicure di exchange per fare trading sono Kraken, Poloniex e Coinbase.
Su queste piattaforme si possono comprare vari tipi di token e altcoin a prezzi più o meno bassi (tra una piattaforma e l’altra il prezzo può variare anche del 2/3%). Ricordati, però, di non lasciare mai i tuoi fondi e le tue criptovalute sull’exchange per molto tempo poiché sono soggetti ad attacchi hacker molto più che i wallet, problema che non si verifica per l’utilizzo di broker sicuri ed affidabili alle cui spalle sono presenti anni di esperienza.

Da un po’ di tempo a questa parte investire in criptovalute è diventato anche più facile visto che molte piattaforme di forex più “tradizionali” hanno iniziato a mettere in lista bitcoin e altre altcoin. Noi ad esempio cconsigliamo markets.com, un broker con il quale lavoriamo da anni che ha alle spalle una società solida e di indubbia storia, oltretutto risulta accreditato presso la CONSOB –> qui la recensione.
L’altro vantaggio nell’investire sulle piattaforme di forex trading è la possibilità di fare trading con l’utilizzo della leva, che permette con piccoli investimenti di investire come si avessero più fondi (fino a x200), con tutti i vantaggi del mercato delle cripto che è volatile e quindi molto profittevole nel trading online…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*