Cresce l’interesse degli italiani verso criptovalute e Bitcoin

Italiani criptovalute

L’interesse degli italiani verso le criptovalute è aumentato durante la quarantena per la pandemia di Coronavirus che ha colpito il mondo intero. A testimoniarlo è Revolut, la banca specializzata britannica, ormai diffusa in tutta Europa e recentemente sbarcata negli Stati Uniti d’America.

Revolut oltre a offrire un conto corrente online con annessa carta di debito utilizzabile in tutto il mondo per via del circuito di pagamento MasterCard, permette anche l’acquisto e la vendita di criptovalute all’interno della propria app.

I clienti di Revolut possono infatti convertire i propri euro, dollari e sterline in Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Litecoin e Ripple al prezzo di mercato.

Revolut: aumenta l’interesse degli italiani verso le criptovalute

La ricerca di Revolut è del tutto interna e può contare su una base abbastanza solida, sono infatti circa 400.000 i clienti italiani di Revolut.

Durante la prima settimana di quarantena, ovvero dal 6 al 16 marzo 2020 l’interesse dei possessori di un conto Revolut in Italia verso le criptovalute è cresciuto del 169%. Inoltre è salita anche la cifra media acquistata del 24% e l’importo medio per operazione del 23%.

Ricapitolando Revolut certifica per indagine interna:

  • +169% interesse verso le criptovalute;
  • +24% cifra media acquistata;
  • +23% importo medio per operazione.

L’interesse verso il mondo crypto dei clienti italiani Revolut non è sceso fino al 13 aprile, dove si registra una lieve flessione di una settimana, ma a partire dal 27 aprile il trend riprende ad essere in forte crescita.

Revolut ha stimato infatti che dal 20 aprile al 4 maggio è cresciuto sia il numero di clienti che hanno deciso di comprare criptovalute (+50%), ma anche di chi ha deciso di venderle (+27%).

Nello stesso periodo è cresciuto anche il valore medio delle criptovalute (+24%) e il valore medio per operazione (+18%). Anche qui il dato non è in aumento solo per chi ha deciso di comprare, ma anche per chi ha optato per la vendita. Infatti è aumentato sia il valore delle criptovalute vendute (+12%) sia il valore medio delle operazioni (+7%).

Bitcoin la crypto più acquistata

Nella ricerca interna di Revolut emerge anche il predominio del Bitcoin sulle altre criptovalute nell’interesse dei clienti italiani.

Infatti l’interesse verso le criptovalute è ripartito in questo modo:

  • Bitcoin 56%;
  • Ripple 15%;
  • Ethereum 13%;
  • Bitcoin Cash 8%;
  • Litecoin 7%.

Chi ha investito di più?

Sembra inoltre che le persone appartenenti a una fascia d’età più alta (64 – 74 anni) sia stata più propensa ad investire cifre più alte rispetto ai più giovani (18 – 24 anni).

La fascia più alta d’età ha infatti investito in media 424 euro per ogni singola operazione, i più giovani hanno investito con una media di 53 euro, sempre per singola operazione.

In ogni caso sebbene l’interesse sia cresciuto verso le criptovalute, gli italiani sono coloro che hanno investito meno denaro sul Bitcoin, in media il dato è pari a 346 euro per operazione.

La media europea è di 458 euro per singolo trade, mentre il valore più alto è del Regno Unito con una media di 657 euro per singola operazione di acquisto sul Bitcoin.