I possessori di Bitcoin entrano nel mondo della DeFi (Finanza Decentralizzata) attraverso progetti basati sulla blockchain di BTC

Il termine DeFi, che sta per finanza decentralizzata, ha avuto un improvviso picco di popolarità nel 2020 quando la maggior parte dei progetti DeFi era basata sulla blockchain di Ethereum.

Molto spesso è capitato che i possessori di Bitcoin (BTC) che avevano intenzione di accedere alla DeFi si servisserp di versioni di Bitcoin come Wrapped Bitcoin (WBTC), e questo permetteva loro di utilizzare token ancorati 1:1 al prezzo di BTC su blockchain come Ethereum.

Negli anni immediatamente successivi, 2021 e 2022, le cose hanno poi iniziato a cambiare nel mondo della DeFi. Da una parte abbiamo visto nascere e affermarsi i cosiddetti “Ethereum killers” come Solana (SOL), che hanno sottratto quote di mercato DeFi a ETH, dall’altra abbiamo assistito alla crescita e al consolidarsi di progetti DeFi costruiti attorno alla blockchain dello stesso Bitcoin.

Cos’è la DeFi, finanza decentralizzata

Quando parliamo di DeFi (finanza decentralizzata) parliamo di progetti che sono prevalentemente costruiti su Ethereum e che ambiscono a rivoluzionare e rimpiazzare gli attuali modelli di prestito e di banca così come li conosciamo oggi nella finanza per così dire tradizionale.

Dalla DeFi nascono inoltre concetti relativamente nuovi come il yield farming. La DeFi dovrebbe arrivare ad offrire a tutti, o quanto meno a tutti coloro che hanno accesso alla rete internet, la possibilità di connettersi con il mondo della finanza.

Qual è il collegamento tra Bitcoin e DeFi

Diciamo prima di tutto che oggi la stragrande maggioranza delle piattaforme DeFi è costruita su piattaforme di smart contract come Ethereum. Ci sono però molte persone che possiedono Bitcoin che vogliono avere la stessa opportunità, e questo ha portato alla nascita e allo sviluppo di una intera gamma di soluzioni dirette proprio ai possessori di BTC che vogliono investire in progetti di finanza decentralizzata.

Dal momento che il Bitcoin è la prima criptovaluta per capitalizzazione di mercato non deve sorprendere che vi sia una forte domanda per quel che riguarda soluzioni in grado di garantire ai possessori di BTC di utilizzare le proprie risorse nel mondo DeFi.

Come funziona Bitcoin DeFi

Bitcoin DeFi funziona in modi diversi in base alla blockchain su cui viene distribuito.

Bitcoin DeFi su Ethereum

Se prendiamo Bitcoin DeFi basato su blockchain Ethereum, i possessori di BTC, per poter utilizzare le proprie risorse su Ethereum, devono usare token come Wrapped Bitcoin (WBTC), ma di cosa si tratta esattamente?

WBTC è essenzialmente una rappresentazione 1:1 di Bitcoin che può essere utilizzata su altre blockchain. Nel caso della blockchain Ethereum il token WBTC ERC-20 può essere usato su piattaforme DeFi proprio come qualsiasi altro asset sulla stessa blockchain.

In sostanza quindi abbiamo un possessore di Bitcoin che ha la possibilità di convertire BTC in WBTC e prendere poi in prestito in cambio di WBTC delle stablecoin usando una piattaforma come MakerDAO.

Le stablecoin così ottenute possono quindi essere reinvestite nell’ecosistema DeFi, ma si tratta di una strategia che comporta dei rischi in quanto il WBTC usato come garanzia potrebbe essere liquidato.

Bitcoin DeFi su Stacks

Stacks, come Bitcoin, è una blockchain di livello 1 indipendente. Le reti Stacks e Bitcoin sono connesse attraverso un processo che si chiama Proof of Transfer in base al quale per estrarre Stacks i cosiddetti miners devono inviare Bitcoin alla rete Bitcoin. Più transazioni effettuate sulla rete Stacks possono corrispondere a una transazione sulla rete Bitcoin.

Sulla blockchain di Stacks sono possibili diverse applicazioni DeFi che vanno dallo stacking(da non confondere con lo staking) dei token Stacks per guadagnare ricompense in Bitcoin, fino all’esplorazione di applicazioni decentralizzate (dapps) che offrono strategie DeFi familiari come lo staking e il farming.

Bitcoin DeFi su Rootstock (RSK)

La blockchain di RSK funziona come una sidechain per la blockchain di Bitcoin e utilizza Smart Bitcoin (RBTC) come utility token. RBTC viene usato per pagare le commissioni degli smart contract sulla blockchain di RSK allo stesso modo in cui ETH viene utilizzato per pagare le commissioni sulla blockchain di Ethereum.

Smart Bitcoin (RBTC) è ancorato 1:1 al prezzo di BTC. Dal momento che la blockchain di RSK è una sidechain di Bitcoin, esiste un collegamento a due vie tra RBTC e BTC e le due risorse possono essere inviate avanti e indietro in modo intercambiabile tra le due reti blockchain.

Usare Bitcoin DeFi per generare reddito passivo

Per quale motivo un investitore nel mercato delle criptovalute, e in particolare un possessore di Bitcoin dovrebbe voler mettere le proprie risorse BTC in DeFi quando potrebbe entrare in DeFi acquistando direttamente Ethereum?

Molti investitori detengono Bitcoin come riserva di valore, ma utilizzare BTC per la DeFi, nonostante comporti inevitabilmente dei rischi, può anche offrire la possibilità di sbloccare un reddito passivo su quella riserva di valore.

Quali sono i progetti Bitcoin DeFi?

Vediamo quindi in breve quali sono i progetti attualmente presenti sul mercato di Bitcoin DeFi. Abbiamo in particolare 5 progetti e sono i seguenti:

  • Wrapped Bitcoin (WBTC): si tratta di un token ERC-20 sulla blockchain di Ethereum ancorato 1:1 al valore del Bitcoin e supportato da una quantità equivalente di Bitcoin detenuta in un caveau digitale. In origine era avviato da BitGo, Ren e Kyber, ma ora WBTC è supportato e gestito da WBTC DAO
  • Ren VM: in questo caso parliamo di un network che permette di inviare crypto tra cui Bitcoin ad altre blockchain usando RenBridge
  • Roostock (RSK): è una blockchain smart contract che opera come una sidechain Bitcoin e supporta diverse piattaforme DeFi
  • BadgerDAO: è un’organizzazione autonoma decentralizzata (DAO) che offre soluzioni per l’uso di Bitcoin nell’ecosistema DeFi. BadgerDAO è stata vittima di un attacco hacker da 120 milioni di dollari verso la fine del 2021
  • Stacks: si tratta di una blockchain di livello 1 indipendente che è collegata alla rete Bitcoin e supporta una gamma di dapp.

Cosa dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro nel campo dei progetti Bitcoin DeFi?

Per capire in che modo si muoverà nei prossimi mesi il mercato, proviamo a fare il punto partendo da quello che sta accadendo adesso. A inizio maggio 2022 quasi 9 miliardi di dollari erano bloccati in Wrapped Bitcoin (WBTC), il che ci indica un aumento della capitalizzazione di mercato di poco più di 4 milioni di dollari rispetto all’inizio dell’anno.

L’ascesa del WBTC ci offre una misura di quanto rapidamente stanno crescendo gli investimenti in progetti Bitcoin DeFi, e al tempo stesso osserviamo un rapido incremento delle possibili strade che i possessori di BTC possono imboccare per entrare nella DeFi.

Ma da qui a capire quali saranno esattamente le piattaforme e i protocolli Bitcoin DeFi di maggior successo nei prossimi mesi il passo è tutt’altro che breve. Molto dipenderà dal loro livello di sicurezza e dalla durata nel lungo termine, senza trascurare l’aspetto dei premi che saranno in grado di offrire agli investitori.

Per entrare nel mercato delle criptovalute e scoprire quali vantaggi offre, affidati a broker esperti come eToro. Clicca qui per aprire un conto demo e ricevi 100 mila dollari virtuali per iniziare senza rischiare

Qual è la tua reazione?
Felice0
Lol0
Wow0
Wtf0
Triste0
Arrabbiato0
Lascia un commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.