Ripple supera $0.40, raddoppiato il proprio valore in poco più di un giorno

Solamente ieri mattina, 12 Dicembre, un Ripple valeva $0.24 ed era pressoché stabile, intorno alla quotazione di 20 centesimi, fin da Luglio scorso.

Oggi si deve spendere quasi il doppio per un Ripple, al momento la quotazione si avvicina ai 48 centesimi di Dollaro USA.

Ma che cosa è successo? Perché la quotazione di questa criptovaluta è letteralmente esplosa nel corso delle ultime ore?

Ripple ha sicuramente goduto del clima di euforia che il mercato delle criptovalute sta vivendo in questi giorni, anche sospinto dalla quotazione del Bitcoin sul Chicago Board of Exchange.

Per Ripple però il mercato trainante non è quello degli Stati Uniti, bensì quello della Corea del Sud. Nelle ultime 24 ore sono stati scambiati Ripple per un controvalore di 2.8 Miliardi di Dollari, di questi circa un terzo appartengono ad un solo exchange, il Coreano Bithumb. Il secondo exchange, che conta quasi il 10% del volume, è anch’esso Coreano:

Perché i Coreani puntano forte su Ripple?

Secondo un report pubblicato su nikkei.com le banche di Giappone e Sud Corea dovrebbero iniziare a testare la blockchain di Ripple da questo venerdì. Lo scopo di questo progetto consisterebbe nell’abbattimento del 30% del costo delle transazioni e potrebbe permettere trasferimenti bancari in un solo giorno tra i due paesi.

SBI Ripple Asia, a capo di un gruppo di 61 banche Giapponesi e DAYLI Intellingence, il corrispettivo Sud Coreano, saranno a capo di questo progetto test che, qualora fosse superato positivamente, potrebbe fare della blockchain Ripple  il sistema di pagamento tra banche Giapponesi e Coreane già nella primavera del 2018. Tale tecnologia eliminerebbe la necessità delle operazioni di “clearing” centralizzate basandosi sulla conferma delle transazioni da parte dei nodi della rete.

Ripple, pur avendo un meccanismo di validazione diverso dal proof of work di Bitcoin, affida la verifica delle transazioni ad un numero ristretto di validatori che gestiscono uno o più nodi facenti parte della rete Ripple. Il registro dei validatori può essere consultato direttamente dal sito di Ripple.

Ripple non è nuovo a rapporti con banche ed istituzioni della finanza tradizionale, avendo anche da poco (ndr. Ottobre 2017) siglato un accordo con American Express. Sebbene una parte della cripto-community abbia spesso guardato con sospetto Ripple, proprio per la vicinanza alle banche, gli early investors che hanno mantenuto la loro esposizione su questa criptovaluta possono finalmente trarne un buon profitto.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://valutevirtuali.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Broker Trading Criptovalute

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 50€
Regulated CySEC License 247/14
Conto di pratica gratuito da 10.000€
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Piattaforma Trading N.1
Fineco
Quotazioni in tempo reale
Previous 25
Next 25
CoinPriceMarketcapSupplyChange (24H)
Vuoi conoscere le crypto? Iscriviti per leggere le ultime news Crypto in anteprima No Sì, certo