Cresce l’adesione alle criptovalute in Turchia e binance apre ai depositi in lire

binance

Che binance stia spingendo sull’integrazione delle valute fiat sulla sua piattaforma per favorire l’adesione di massa a bitcoin e criptovalute era cosa nota, ciò che quasi nessuno si aspettava era che la seconda valuta fiat a sbarcare sull’exchange, dopo quella nigeriana, fosse la Lira turca; l’ultima volta che ce n’eravamo occupati, infatti, Changepeng Zhao stava partecipando a un evento a Mosca ed aveva lasciato intendere che presto binance avrebbe aperto ai depositi in rubli. La notizia di oggi, quindi, ha spiazzato molti osservatori perché la seconda valuta fiat a sbarcare su binance non è quella russa ma quella turca; in realtà non è una mossa poi così sorprendente, fuori dall’America Latina, infatti, è proprio la Turchia uno dei primi paesi al mondo per volumi scambiati in bitcoin, tendenza in corso ormai da anni, sin da quando la pressione speculativa ha ricominciato a prendere di mira la lira turca. L’ufficialità è arrivata poche ore fa e il comunicato stampa svela che i depositi in lire saranno consentiti dalla partnership con l’azienda locale Papara.

L’apertura, comunque, non è totale, per adesso gli utenti turchi potranno solo acquistare criptovalute usando la moneta nazionale, ma non potranno fare il percorso inverso, non potranno cioè ricomprare lire a partire da bitcoin o altra moneta crittografata; non è noto, attualmente, se questo sia dovuto a problemi di carattere legale o se invece sia necessario solo un po’ di tempo in più per superare eventuali limiti di integrazione con Papara che in questo momento potrebbero non consentire quel tipo di operatività, tuttavia gli scambi locali si appoggiano anche loro a Papara ed offrono agli utenti la possibilità sia di comprare cripto che di venderle in cambio di valuta a corso legale. Binance, in ogni caso, non è la prima piattaforma di rilevanza globale a sbarcare in Turchia, prima ancora era stata Huobi, la quale ha anche aperto un ufficio nel paese, a seguire la stessa strada e, del resto, come accennato, la Turchia è uno dei paesi in cui l’adesione alle criptovalute tra le persone comuni risulta tra le più alte al mondo. Nei prossimi giorni, comunque, lo stesso Zhao è atteso in Turchia, dove parteciperà a una conferenza, per cui probabilmente avrà modo di entrare più nello specifico di questa nuova opportunità durante i suoi interventi e, magari, di svelare qualche dettaglio in più sui programmi di crescita ed espansione di Binance a livello globale.