Bitcoin: bakkt lancerà un’app per consentire di operare coi suoi futures anche all’utenza consumer

Come noto bakkt si rivolge essenzialmente ai grandi investitori istituzionali, mentre attualmente i piccoli trader, che operano in maniera non professionale, sono esclusi dalla piattaforma; oggi, però, con un post sul blog ufficiale il CFO di bakkt (Mike Blandina) ha comunicato che entro la prima metà del 2020 bakkt lancerà un’app dedicata alla clientela consumer cosa che, inevitabilmente, oltre ad ampliare la platea di utenti contribuirà anche ad alzare i volumi. Lo scopo, ovviamente, è anche quello di permettere a una platea sempre più larga di persone di avvicinarsi al mondo degli asset digitali in perfetta sicurezza, fruendo di una piattaforma professionale e potendo contare su alti standard di sicurezza per la custodia dei propri fondi. Blandina ha poi lasciato intendere che l’azienda intende integrare a breve nuove monete, nel post, infatti, si può leggere che:

bitcoin da satellite

Una caratteristica chiave del modello che abbiamo progettato è supportare un set di risorse digitali, comprese le altcoin, con la stessa continuità con cui gli investitori effettuano transazioni in titoli in un conto di intermediazione al dettaglio. Intendiamo arrivare a fornire una piattaforma per la gestione di un portafoglio di risorse digitali, indipendentemente dal fatto che gli utenti desiderino archiviare, negoziare, scambiare o trasferire beni”

Se ci fermiamo un attimo a fare mente locale ecco che ci rendiamo conto che, in questi pochi passaggi, Blandina ha descritto dei servizi che tutti noi conosciamo bene, che usiamo tutti i giorni; a ben vedere, infatti, ciò che il CFO ha descritto non sono altro che servizi bancari, solo che invece di usare del denaro fiat bakkt intende usare le criptovalute. Archiviazione, negoziazione, scambio e trasferimento di beni, è esattamente quello che fa una qualunque banca, sono gli stessi servizi, ma con costi sensibilmente minori, una maggiore autonomia per l’utente ed un concetto del denaro più orientato all’indipendenza del, per così dire, correntista. Non è così difficile immaginare un futuro in cui gli utenti conserveranno somme di denaro più ingenti presso servizi di custodia come quello offerto da bakkt, usando la stessa piattaforma per fare qualche operazione di trading nell’arco dell’anno e spostando i fondi sui propri wallet per le spese di ogni giorno o per attivare servizi in addebito automatico (un po’ come avviene oggi coi RID). Bakkt si pone quindi come un intermediario e, da buon intermediario, non poteva non pensare a una soluzione di pagamento facile da implementare sia per i commercianti che per i propri clienti; il post di Blandina, infatti, ribadisce la partnership con Starbucks e la possibilità per gli utenti che scaricheranno la prossima app di Bakkt di pagare tranquillamente in bitcoin presso la caffetteria in franchising più famosa nel mondo. Sempre il CFO scrive nello stesso post che:

“Sono convinto che promuovendo una maggiore integrazione ed efficienza tra i portafogli digitali, l’elaborazione delle transazioni e l’accettazione dei pagamenti, vi siano opportunità significative per i commercianti e i consumatori di interagire senza problemi utilizzando le risorse digitali in modi che non sono stati precedentemente considerati”

Insomma, i futures emessi a settembre da bakkt sono stati solo la punta dell’iceberg, sotto cova qualcosa di molto più grosso, lo scopo di bakkt appare chiaramente quello di divenire un intermediario capace di garantire ogni tipo di operatività ai propri clienti, non solo la semplice custodia dei fondi, quindi, ma anche il trading e le funzioni di pagamento.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://valutevirtuali.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Broker Trading Criptovalute

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio
Deposito minimo 50€
Regulated CySEC License 247/14
Conto di pratica gratuito da 10.000€
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Piattaforma Trading N.1
Fineco
Quotazioni in tempo reale
Previous 25
Next 25
CoinPriceMarketcapSupplyChange (24H)
Crypto.com Bonus
Cripto.com - Bonus di 25$
Vuoi conoscere le crypto? Iscriviti per leggere le ultime news Crypto in anteprima No Sì, certo