Primo test sulla tracciabilità della filiera alimentare su blockchain in Lombardia, il progetto verrà presentato domani

Domani, 10 Dicembre 2019, presso il Centro Savoldi Carni di Lonato del Garda (Brescia) sarà presentato il nuovo progetto di Regione Lombardia per la tracciabilità delle filiere delle carni bovine e dei prodotti lattiero caseari; la conferenza stampa avverrà alla presenza di Fabrizio Sala (vicepresidente della regione) e di Fabio Rolfi (assessore regionale all’agricoltura) che procederanno anche alla firma del protocollo di intesa che avvierà la sperimentazione di questa nuova piattaforma blockchain. Al progetto partecipano anche il Consorzio lombardo dei produttori di carne bovina, l’Agenzia per la Tutela della Salute della Val Padana e la latteria sociale della Valtellina. La nuova piattaforma, che rappresenta il primo esperimento di questo genere nel nostro paese (anche considerando la rilevanza dei protagonisti), consentirà ai consumatori di prendere visione di tutti i dettagli di ogni filiera, permettendo così di tracciare gli spostamenti di ogni singolo capo di bestiame e dei lotti distribuiti in commercio, risalendo fino ai vari controlli sanitari effettuati su ogni capo di bestiame.

L’obiettivo, chiaramente, è anche quello di proteggere il Made in Italy offrendo ai consumatori uno strumento di facile accesso che gli permetta di verificare velocemente l’autenticità del prodotto acquistato. La conferenza avrà luogo, come detto, nella giornata di domani a partire dalle ore 13.00 con una degustazione di prodotti tipici locali per poi proseguire, a partire dalle ore 14.00, con la conferenza stampa che presenterà il progetto e la firma del protocollo d’intesa. Oltre a Sala e Rolfi parteciperà anche, in rappresentanza della Regione Lombardia, Angelo Monti, U.O. Veterinaria della Direzione Generale Welfare della Regione; a rappresentare il Consorzio Lombardo Produttori Carne Bovina ci sarà Primo Cortelazzi (presidente del consorzio), mentre sarà il direttore generale Marco Deghi a rappresentare la Latteria Sociale Valtellina. A seguito della firma del protocollo d’intesa, a conclusione della giornata, sarà possibile effettuare dei test per permettere ai partecipanti di comprendere meglio il funzionamento della piattaforma e dare dimostrazione della sua semplicità di utilizzo.