Spendere bitcoin per comprare su amazon è possibile, ecco come

La comunità delle criptovalute ha passato gli ultimi anni a chiedersi quando amazon si sarebbe degnata di accettare le criptovalute come modalità di pagamento; questo ancora non è successo, tuttavia è comunque possibile usare i nostri bitcoin per acquistare su amazon, grazie a lightning network e a una startup di nome moon che si occuperà di gestire le transazioni. A ben vedere, quindi, non c’è stato nemmeno bisogno che fosse amazon ad adeguarsi alle criptovalute, sono le cripto che si sono adeguate ad amazon; il funzionamento è semplice e intuitivo. Come si può leggere dal sito ufficiale della startup sarà sufficiente installare l’estensione moon sul proprio browser e saremo abilitati a pagare coi nostri bitcoin su moltissimi dei maggiori ecommerce tra cui, appunto, anche amazon. Basterà connettere il proprio wallet a moon, aprendo un canale di pagamento lightning network e, installando l’estensione sul proprio browser, si potrà approfittare di questa opportunità. Il CEO di Moon (Ken Kruger) ha inoltre dichiarato a CoinDesk che entro il 2020 quasi tutti gli ecommerce offriranno la possibilità di spendere le nostre criptovalute in questo modo, bypassando quindi la necessità che le piattaforme decidano di accettare bitcoin come modalità di pagamento; quello che succede, infatti, è che i commercianti non entrano mai fisicamente in possesso di bitcoin, moon si occupa di convertire istantaneamente la valuta virtuale in valuta FIAT e subito dopo paga gli ecommerce. Grazie a LN la transazione è rapida e con commissioni molto basse, mentre la startup sta lavorando con Visa e Mastercard per ridurre ulteriormente il costo delle loro commissioni; si tratta quindi di un grande passo in avanti per l’adozione di questi sistemi di pagamento, un momento che tutta la comunità aspettava da tempo. Soprattutto per quel che riguarda amazon, la possibilità di pagare in bitcoin su quella che rimane la più grande piattaforma di ecommerce al mondo era attesa da tempo e con trepidazione da tutta la comunità; attualmente l’estensione moon è disponibile per browser chrome, opera e, ovviamente, brave, mentre gli utenti che usano abitualmente firefox dovranno attendere o usare un secondo browser se vorranno sfruttare questo tipo di opportunità. Resta ovviamente un tema di sicurezza, nonostante sul sito di moon si ponga in risalto proprio questo aspetto, promettendo, ovviamente, che i nostri fondi sono al sicuro, io non escluderei il rischio di possibili hacking; la cosa migliore, per evitare brutte sorprese, è quindi collegare un wallet diverso da quello che usiamo per conservare i nostri bitcoin, come se fosse una specie di carta prepagata che utilizziamo solo per comprare online. In questo modo anche in caso di brutte sorprese non rischieremmo di perdere tutti i nostri fondi, ma solo quello che avevamo messo in preventivo di spendere. Questa versatilità di utilizzo è tipica delle criptovalute e va sfruttata a pieno, anche perché ci permette di aumentare non solo il nostro livello di privacy ma anche e soprattutto il livello di sicurezza.