CRIPTO VALUTA QUOTAZIONE REAL TIME CARATTERISTICHE RIFERIMENTI
BITCOIN  logo
EUR:
USD:
Freq. Difficulty Adj: 2016 blocks
Riduzione Block Reward: 50%
Algoritmo: SHA256
Indirizzo Twitter: @bitcoin
Sito Web: Bitcoin.org
Algoritmo Consensus: PoW
Visita Plus500 per investire su Bitcoin

 

GRAFICO TEMPO REALE BITCOIN


*I valori del grafico provengono da Poloniex.com e sono aggiornati ogni 2 minuti.

BITCOIN: Che cosa è?

Il Bitcoin è una valuta virtuale che utilizza la tecnologia P2P per effettuare degli scambi di valore senza l’intervento di alcuna Banca o Ente Centrale. Le transazioni e l’emissione di nuovi Bitcoin sono interamente controllati dalla rete. I Bitcoin sono la prima criptovaluta che è stata inventata. Storicamente il Bitcoin è la criptovaluta con la capitalizzazione più alta ed anche la quotazione più elevata per singolo token.

Il Bitcoin è ormai una realtà consolidata e sebbene la sua quotazione sul mercato subisca delle fluttuazioni anche piuttosto ingenti di tanto in tanto, fino ad ora questa valuta virtuale ha superato tutti gli ostacoli che ha dovuto affrontare. Essendo la valuta più scambiata, è anche abbastanza stabile sebbene sempre soggetta a cambi di valore repentini rispetto a valute FIAT.

L’algoritmo su cui si basa la blockchain dei BTC è il SHA-256 con Proof-Of-Work. Grazie a questo algoritmo si possono transare Bitcoin in maniera sicura e del tutto anonima. I conti Bitcoin infatti sono mantenuti da un ledger pubblico e sono assegnati ad un indirizzo, non ad una persona o ad un ente. La blockchain tiene traccia di tutte le transazioni fatte dall’inizio della creazione del primo BTC ed in questo modo, risalendo la blockchain, si può garantire che un determinato indirizzo abbia i fondi necessari per compiere o meno una determinata transazione.

Se vuoi speculare sull’andamento di Bitcoin la piattaforma Plus500 offre la possibilità di effettuare trading sul cross BTCUSDVisita Plus500 per investire su Bitcoin

Le transazioni prevedono il trasferimento di Bitcoin tramite degli appositi software che mascherano la complessità della blockchain sottostante: i cosiddetti Wallet. Ogni wallet mantiene una chiave privata (o seed) che viene utilizzata per firmare la transazione fornendo la prova che i BTC provengono dal possessore del wallet. La firma serve anche a prevenire che la transazione possa essere cambiata da qualsiasi terzo che la intercetta. Tutte le transazioni possono quindi essere rese pubbliche tra i partecipanti alla blockchain che solitamente le confermano, ogni 10 minuti, tramite un processo denominato mining.

Il mining serve appunto a confermare una transazione ed anche a creare nuovi Bitcoin. Il mining consente inoltre che una transazione sia confermata in modo neutrale da tutti i computer che fanno parte della rete, senza possibilità che i blocchi che compongono le transazioni vengano modificati. Per far ciò la blockchain utilizza un meccanismo tipo lotteria, che rende molto difficile ad un singolo o ad un gruppo il controllo dei blocchi da includere nella blockchain e quindi rende la rete Bitcoin molto difficilmente hackerabile.

BITCOIN: Come investire?

Per investire sul Bitcoin ci sono diverse opzioni, alcune più semplici ed altre più complesse. Innanzitutto iniziamo col dire che la differenza principale sta nella possibilità di possedere il token del Bitcoin, ovvero il BTC, oppure investire speculando sull’andamento del prezzo.

Per possedere il BTC è necessario registrarsi su di un exchange, ce ne sono di più o meno famosi tra i quali citiamo coinbase e bitstamp. Una volta completata la registrazione, durante la quale la piattaforma vi chiederà tutte le verifiche di sicurezza per adempiere alle normative Know-Your-Customer, sarà possibile effettuare un deposito. Il deposito viene solitamente accettato a mezzo di bonifico bancario o carta di credito, ad ogni modo i metodi di deposito variano a seconda della piattaforma. Quando i fondi depositati saranno disponibili sulla piattaforma, potrete effettuare una transazione per acquistare BTC, e vedrete apparire, a fianco all’indirizzo BTC che vi è stato assegnato, il corrispettivo in Bitcoin che avrete acquistato. Se avete ultimato tutti questi passaggi, avrete diverse opzioni per conservare i vostri BTC. C’è anche la possibilità di lasciarli sull’exchange, ovviamente, ma questa è poco raccomandabile in quanto, se l’exchange fallisse o dovesse in qualche modo essere hackerato, perdereste l’intera disponibilità dei vostri BTC. La soluzione migliore per mantenere i BTC è quindi quella di mantenerli su di un wallet, sia esso un hard wallet, un wallet web come quello di https://blockchain.info o più semplicemente un paper wallet.

Per speculare sul Bitcoin, invece, non è necessario possedere il token e gestirlo tramite un wallet, ma basta affidarsi ad un servizio di trading che preveda il bitcoin tra gli asset che è possibile scambiare. Uno dei modi più semplici e sicuri è quello di affidarsi ad un broker forex o ad un broker finanziario registrato e regolamentato da Consob o altri enti internazionali. Uno di questi è eToro . Per fare trading tramite una di queste piattaforme è comunque necessario registrarsi e passare tutti i livelli di verifica delle informazioni prima di depositare e, infine, vedersi accreditati i propri soldi sul conto. Va detto che, trattandosi di piattaforme regolamentate e che sono nel business da diversi anni, la fase del Know-Your-Customer e quella di deposito solitamente sono più brevi rispetto all’exchange medio. Anche le opzioni di deposito sono solitamente più ampie, potendo utilizzare anche gran parte dei sistemi di pagamento online, come paypal o skrill, che oggi sono molto utilizzati per questo genere di operazioni. Una volta arrivato l’accredito, sarà possibile speculare piazzando una o più operazioni sul Bitcoin. Il vantaggio che si ha nella speculazione con broker forex è la speculazione al ribasso, ovvero il trading short. Lo svantaggio è quello di non possedere il bene, pertanto questa opzione si adatta meglio a coloro che vogliono operare sul breve termine.

BITCOIN: Ultime News
  • Bitcoin, il sentimento è Bullish, andrà sopra i 10000 Dollari? - A poche settimane dal crollo del 29 Marzo, dove il Bitcoin aveva toccato il livello di $7300, lo scenario appare totalmente capovolto, in meglio, per il Bitcoin. In queste ultime ore, infatti, la prima criptovaluta della storia sta per toccare nuovamente la soglia psicologica dei 10mila Dollari e forse andrà oltre. Il sentimento generale, che era stato condizionato fortemente dalle [...]
  • Il Bitcoin torna sui minimi da Novembre a conclusione di una settimana di annunci sfavorevoli - È stata una settimana di Pasqua finora molto difficile per il Bitcoin. La settimana è iniziata con lo stop degli annunci pubblicitari su Twitter e si sta concludendo con un ulteriore calo che sta portando il valore del BTC indietro di 4 mesi, sui livelli di Novembre scorso. Sul finire della settimana precedente si erano sparsi rumors secondo i quali, [...]
  • BitMEX API – come recuperare i dati di mercato automaticamente sul proprio PC - Tutti coloro che fanno trading sulle criptovalute da un po’ di tempo si sono accorti di una differenza fondamentale che separa questo mondo da quello del trading tradizionale: la facilità di reperire informazioni di mercato dalle piattaforme di trading. In questo mercato infatti, ogni piattaforma che si rispetti mette a disposizione dei propri trader delle API grazie alle quali è [...]
  • $400 milioni di Dollari in Bitcoin venduti dallo scorso Settembre - A seguito della bancarotta di Mt.Gox, l’exchange Giapponese dal quale sono stati hackerati più di 850,000 Bitcoin a Febbraio 2014, sono stati recuperati circa 200 mila BTC. I creditori di Mt. Gox,  che si sono rivolti al tribunale, devono ancora essere risarciti. Per dar luogo al risarcimento, il procuratore Nobuaki Kobayashi, è stato incaricato della vendita dei fondi recuperati. Lo [...]
  • Paypal deposita un brevetto sulle criptovalute - La multinazionale americana Paypal, leader nel settore dei pagamenti online, sta iniziando ad interessarsi anche di criptovalute. Secondo l’ufficio USA equivalente al nostro ufficio brevetti, lo “US Patent and Trademark Office”, il primo marzo Paypal avrebbe depositato brevetto riguardante le criptovalute. Il nome del brevetto è “Expedited Virtual Currency Transaction Time” ed ha come oggetto la velocizzazione dei tempi legati [...]
  • Bank of America parla di Criptovalute - Bank of America ha menzionato le criptovalute nel suo report annuale alla SEC (Securities and Exchange Commission), considerandole un rischio per il proprio business. La seconda banca per volume di affari degli Stati Uniti, ritiene le nuove tecnologie un rischio in merito alle seguenti due sfere del proprio business: Normativa antiriciclaggio Competitività sul mercato Se il primo tipo di rischio [...]
  • Bitcoin Future – Posizioni dei Traders – 10 Febbraio 2017 - Il Commitments Of Traders è un report molto interessante che può darci la misura di come i grandi speculatori stiano investendo sul Bitcoin. Il report che vi presentiamo è quello che si riferisce ai Futures sui Bitcoin scambiati sul CBOE ed è stato rilasciato il 10 Febbraio. Siccome CFTC rilascia il venerdì i dati che vanno di martedì in martedì, [...]
  • Distribuzione dei Bitcoin, quanti indirizzi sono davvero ricchi? - Nel corso degli ultimi 12 mesi si è verificato un aumento notevole del prezzo del Bitcoin. Questo aumento, che nell’ultimo mese ha subito una notevole correzione, ha portato il Bitcoin a valere circa $8000, iniziando da una base di partenza di circa $1000. L’aumento del valore di questo strumento è andato di pari passo con il tasso di adozione del [...]
  • Audizioni in Senato Usa: clima moderatamente ottimista verso il Bitcoin - Le due Authority principali in materia di regolamentazione finanziaria USA, ovvero la SEC (Securities and Exchange Commission)  e la CFTC (Commodity Futures Trading Commission), stanno affrontando il processo di regolamentazione delle criptovalute e sono state chiamate, nella giornata di martedì, dal Senato USA per un’audizione. Il risultato dell’audizione è stato ritenuto moderatamente rialzista dagli investitori ed ha probabilmente contribuito al [...]
  • Il 2018 sarà l’anno della regolamentazione delle criptovalute? - Regolamentazione e criptovalute create da governi, sembrano essere queste le tematiche principali di questo 2018. Mentre il Bitcoin ha passato un Gennaio difficile, soprattutto a causa delle voci sui ban e regolamentazioni asiatiche, alcuni governi sono in procinto di lanciare le proprie criptovalute, seppur con modalità e per ragioni diverse. Poco più di due settimane fa il presidente russo, Vladimir [...]

Qui trovi la nostra guida ai bitcoin in 9 articoli >>