La CEO di bakkt, la nota piattaforma di futures bitcoin, in lizza per diventare senatrice degli Stati Uniti

poloniex
BONUS BITMEX

Mentre l’interesse istituzionale per Bitcoin continua a crescere e, conseguentemente, la piattaforma Bakkt continua a macinare record (l’ultimo il 28 novembre con ben 42,5mln di dollari scambiati in 24 ore) una nuova notizia ha acceso gli entusiasmi della comunità, in particolar modo quella statunitense; Kelly Loeffler, CEO di bakkt, è stata infatti nominata da Brian Kemp (governatore della Georgia) per sostituire un senatore dimissionario e concorrere alle prossime elezioni politiche americane del 2020. La notizia è stata diffusa dal sito del quotidiano di news locali AJC (acronimo di Atlanta Journal-Constitution) nella giornata del 29 novembre; stando a quanto si apprendere la Loeffler potrebbe così diventare la seconda donna in tutta la storia degli USA ad essere eletta in senato dalla Georgia, tuttavia la sua nomina non sembra mettere d’accordo tutto il partito repubblicano. Donald Trump, infatti, preferirebbe candidare Doug Collins, repubblicano duro e puro, schierato con la lobby delle armi e i movimenti pro-vita, oltre che accanito sostenitore del presidente che, d’altro canto, considera la Loeffler eccessivamente moderata; solo uno dei due candidati riuscirà a spuntarla, a disposizione, infatti, c’è solo una poltrona, quella attualmente occupata dal senatore Johnny Isakson, che lascerà il Senato alla fine dell’anno a causa di problemi di salute.

Piattaforme Consigliate

Facile da usare per i neofiti e non
Trading anche con Ripple, Ethereum e Litecoin
La prima del mercato dedicata alle criptovalute

RECENSIONE BITMEX
Visita BITMEX

Trading sui Bitcoin e sulle principali criptovalute
Piattaforma CONSOB
Innovativo il Crypto Fund
Copy Trader

Recensione

Nonostante il potere di nominare il successore di Isakson appartenga al governatore della Georgia (Brian Kemp, che appunto sostiene la nomina della CEO di bakkt) sarà necessario comunque riuscire a trovare un accordo con quella parte del partito, con in testa Trump, che preferirebbe insediare Collins; colui, o colei, che sostituirà Isakson per qualche mese fino a fine legislatura avrà poi, con ogni probabilità, la possibilità di concorrere al rinnovo delle camere USA previsto per l’autunno 2020, in una tornata elettorale che molti osservatori affermano i repubblicani dovrebbero facilmente vincere e che, nel caso, vedrebbe la rielezione di Trump ancora per un secondo e ultimo mandato. Nonostante Loeffler non goda delle simpatie di Trump l’establishment repubblicano punta molto su di lei, anche per i cospicui finanziamenti che la CEO di bakkt potrebbe portare al partito, così come pure ci sperano i bitcoiners statunitensi che contano così di guadagnare una voce amica in senato che possa contribuire alla causa.