Le 7 notizie del mese di novembre che devi assolutamente conoscere.

La Korea del sud ha creato una task-force composta di esperti in materia finanziaria per trovare una possibile soluzione per regolamentare le cryptovalute. Questa task-force formata principalmente da   ministri e accademici cercano di trovare una possibile soluzione al problema sotto il profilo regolamentare, seguendo la strada già intrapresa da altri paesi come il Giappone e dall’unione europea.

Un altra startup fa il pieno di fondi, Bitmark startup blokchain based ha raccolto 1.7$ milioni.

La startup è stata creata da un team taiwanese è sfrutta la tecnologia blockchian per registrare dati degli utenti in maniera del tutto sicura non raccogliendoli in uno solo database ma distribuendoli tra gli utenti. La startup è stata finanziata da un gruppo di investitori ma principalmente da Digital Currency group W. Harper.

Anche l’unicef si trasforma in Venture capital è investe in  startup africane che sviluppano sistemi di transizione basati su blockchain. Una di queste si chiama 9Needs, ha raccolto circa 100.000$, ma l’unicef ha annunciato altri investimenti nel settore nelle area geografiche attualmente sottosviluppate.

Anche la russia dopo un iniziale resistenza verso il sistema di transizione blockchain e  cryptovalute finalmente il governo sembra far un passo indietro al tal proposito. Il governo russo per combattere l’evasione fiscale  ha rivalutato l’impiego di tecnologie basate su blockchain, infatti il governo attualmente sta sostenendo una startup privata di nome Masterchain.

Il due  di Novembre si è svolto a Londra un blockchain summit, durante questo evento sono intervenuti personaggi importanti come Garrick Hileman, Economic Historian at the University of Cambridge and London School of Economics è l’altro era l’italinissimo Ferdinando M. Ametrano che insegna Bitcoin and Blockchain Technology at Politecnico di Milano. L’evento verteva sullo stato attuale dei fatti e le prospettive future del settore.

Un recento studio della banca di inghilterra ha rivelato che con l’impiego di sistemi di  transizione basati su blockchian il pil UK potrebbe aumentare del 3%. Gli studiosi hanno stimato che adottando una cryptovaluta come sistema di pagamento il pil aumenterebbe per merito di minori costi di transizioni e maggiore efficienza delle stesse.

Oliver Wiman nota società di consulenza ha stimato che se le banche facessero uso di sistemi di transazione basati su blockchain potrebbero risparmiare tra 15-20 miliardi di dollori di costi burocratici. Inoltre sempre da questo rapporto è emerso che tutte i più grandi gruppi bancari hanno intenzione di adottare un sistema di blockchain per quei servizi che attualmente risultano poco efficienti.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*