Bitcoin Gold: hard fork innovativa o scam?

A meno di tre mesi di distanza dall’hard fork che ha creato un nuovo Bitcoin (il Bitcoin Cash) e che ha separato per sempre i destini delle due community che sostenevano la Blockchain per antonomasia, si profila un nuovo fork.

Questa volta i sostenitori del fork hanno annunciato che la nuova moneta, che verrà creata prendendo ancora come base la blockchain Bitcoin, si chiamerà Bitcoin Gold.

Bitcoin Gold è un progetto co-fondato e sostenuto da Jack Liao, CEO di una mining company denominata LightningASIC che ha sede ad Hong Kong.

L’Hard Fork dovrebbe avere luogo il 25 Ottobre e prevede la creazione di una nuova blockchain, che si sommerà quindi a quella di Bitcoin e quella di Bitcoin Cash, che come unica differenza dovrebbe avere l’algoritmo di mining. Mentre Bitcoin e Bitcoin Cash utilizzano SHA256 il nuovo Bitcoin Gold utilizzerà l’algoritmo Equihash, tipico di coin come Zcash e ZenCash.

Questo algoritmo è resistente al mining ASIC, pertanto il modo più efficiente di minare questo nuovo coin tornerebbe ad essere quello delle GPU.

Sebbene a detta degli ideatori il cambiamento di algoritmo verrebbe fatto per consentire una distribuzione del mining più equilibrato (in quanto tutti i possessori di una scheda grafica possono farlo) sembra che questa scelta non sia del tutto disinteressata.  Infatti LightningASIC effettua anche la vendita di apparecchiature per il mining GPU.

Se vuoi speculare sull'andamento delle criptovalute principali, clicca qui sotto:Confronto Piattaforme Broker >>

Nonostante il progetto presenti di per sé un’opportunità per vedersi assegnare dei coin in maniera gratuita (per coloro che sono in possesso di Bitcoin) ci sono degli aspetti piuttosto controversi di cui tener conto.

In primis c’è una scarsa comunicazione: il sito ufficiale btcgpu.org ha spesso cambiato contenuto ed al momento presenta solamente il link alle community. Non è presente però nessun programma di avvicinamento al lancio dei Bitcoin Gold ma si ricorda solo la data del 25 Ottobre.

Fino a pochi giorni fa, inoltre, era attivo un sito fake che chiedeva le chiavi private in cambio del rilascio dei Bitcoin Gold. Il sito è stato immediatamente denunciato dai creatori di Bitcoin Gold ma bisogna comunque continuare a fare attenzione più in generale rispettare sempre la regola d’oro, ovvero:

Non date le vostre chiavi private a nessuno!

La nostra opinione:

Per il momento gli ideatori di Bitcoin Gold hanno fornito elementi discordanti.

Se da un lato il progetto e l’idea del cambio di algoritmo ha il suo perché e la prospettiva di avere altri coin gratis è sicuramente interessante, la scarsa comunicazione e la poca chiarezza sul futuro del progetto non lo rendono troppo appetibile.