Intervistiamo Tristan Colombet, CEO di Domraider e prossimi ad una ICO

Oggi valutevirtuali ha il piacere di intervistare Tristan Colombet, CEO di Domraider leader europea nel dropcatching che sta lanciando una ICO.

1. Domraider è un’azienda che fa principalmente Dropcatching: ci spieghi esattamente di che cosa si tratta?
Il drop –catching è un servizio di recupero dei nomi di dominio scaduti. Innanzitutto identifichiamo e valutiamo i 300.000 nomi di dominio che si liberano ogni mese (.com, .fr…). Per ciascuno di essi, stabiliamo degli indicatori per definirne il valore potenziale.
In seguito, i nostri clienti possono ordinare quelli che li interessano e i nostri algoritmi fanno in modo di riservarli nella frazione di secondo stessa in cui si liberano.
Se più clienti sono interessati allo stesso dominio, lo mettiamo all’asta.
I nomi di dominio scaduti possono essere usati per una strategia di indicizzazione (SEO), di speculazione sui nomi rari oppure di gestione della proprietà intellettuale.

2. L’azienda è già sul mercato da diversi anni e con profitti notevoli, perché si è interessata alla blockchain?
Effettivamente, il nostro organico è triplicato l’anno scorso e conta oggi 30 persone. Abbiamo inoltre più di 20000 vendite al nostro attivo.
Abbiamo già organizzato migliaia di aste e abbiamo potuto constatare direttamente i limiti generali con cui vengono organizzate oggi nel mondo: mancanza di trasparenza, mancanza di apertura ed ecosistemi troppo limitati.
Grazie ai recenti progressi tecnologici della blockchain è oramai possibile superare questi limiti. Ed è per questa ragione che abbiamo pensato a una nuova piattaforma, aperta, decentralizzata e riservata alla gestione in tempo reale di tutte le aste mondiali, on-line o in sala.

3. Come cambierà il modello di business con la nuova Domraider Blockchain?
Non appena il nostro network sarà pienamente operativo, migreremo le nostre stesse aste su questa rete per darle immediatamente un’applicazione concreta. Ma non sarà che l’inizio. La rete è aperta a ogni tipo di aste, non solo quelle legate ai nomi di dominio.
Abbiamo previsto un piano di adozione su larga scala che integrerà attori chiave dell’universo delle vendite all’asta. Potremo trovarvi opere d’arte oppure oggetti da collezionismo, oppure ancora beni virtuali o digitali.
Il nostro business model muterà per accompagnare questa trasformazione.

4. Si è scelto un token di tipo ERC20, la blockchain sarà quindi basata su Ethereum, perché questa scelta?
Ethereum è oggi la soluzione più utilizzata nell’emissione di nuove criptomonete e dà, ad oggi, la migliore garanzia di sicurezza. Questo è un punto a cui attribuiamo un’enorme importanza.Vorremmo che tutti coloro che desiderino acquistare dei DRT lo facessero serenamente, in condizioni ottimali di sicurezza.
Inoltre, il buon funzionamento del nostro network necessita que gli scambi tra DRT e altre criptovalute siano semplici e fluidi.
La norma ERC20 era la migliore scelta possibile per assicurarsi questa flessibilità già dall’inizio.

5. Ci spieghi come funzionerà la vendita del nuovo token, il DRT, che inizierà il 12 Settembre (durata, numero di token emessi, costo, ecc)
La vendita inizierà il 12 settembre e terminerà l’11 di ottobre.
Creeremo un totale di 1 Miliardo di DRT.
Il 35% dei token saranno venduti durante l’ICO.
Il 15% sarà distribuito all’equipe, agli advisor e alla comunità.
Il 50% restante sarà messo in riserva e servirà a incentivare lo sviluppo della rete di aste.
I DRT saranno venduti al prezzo di 0,10€/DRT.
Sarà possibile pagare in Bitcoin, in Ether, o con un bonifico bancario SEPA/SWIFT.
La vendita avrà un plafond di 35 Milioni di euro, eventuali strech goals esclusi.
La vendita è garantita perché se restassero dei DRT invenduti alla fine dell’ICO, saranno acquistati dai due principali azionisti di DomRaider.

6. Il DRT avrà una valutazione fissa o mobile? Nel secondo caso sarà disponibile per essere scambiato sugli exchanges una volta finita l’asta?
Dalla sua emissione, al termine dell’ICO, il DRT sarà negoziabile su parecchi exchange. Il suo valore diventerà quindi mobile.
Siamo attualmente in fase di negoziazione con Bittrex, Coinone e Huobi. Faremo un annuncio ufficiale sul nostro sito non appena la decisione finale sarà confermata.

7. Lei pensa che il mondo delle criptovalute sia una solida realtà su cui investire in un arco temporale di lugo medio termine? o siamo di fronte ad un fenomeno di bolla speculativa/moda passeggera?
La domanda importante mi sembra essere quella dell’uso delle criptomonete e della tecnologia blockchain più in generale. Il perfezionarsi degli « smart-contract » di Ethereum, per esempio, ci mostra che esistono tantissime nuove possibilità che noi ancora non riusciamo nemmeno a immaginare. Il nostro network DomRaider ne è un esempio, ma ce ne saranno sempre di più.
Credo fermamente che queste nuove applicazioni contribuiranno a incrementare l’utilizzazione delle criptomonete. E più saranno utilizzate più è verosimile credere che il loro valore aumenti.
Non penso che si tratti di un fenomeno di mode, credo piuttosto che stiamo assistendo all’attuarsi di un profondo cambiamento.

Se vuoi speculare sull'andamento delle criptovalute principali, clicca qui sotto:Confronto Piattaforme Broker >>

La ringraziamo per l’intervista e le chiediamo di lasciarci con una frase libera per i nostri lettori…
Grazie per averci accolto sulla vostra pagina.
La nostra prevendita ha riscontrato un grosso successo e siamo fieri dell’eccitazione che la
comunità ha mostrato per il nostro progetto.
Saremo felici di accogliervi sul nostro sito https://www.domraider.io per presentarvi la nostra ICO e il nostro network di aste.