Fare trading automatico con Bitcoin

Il trading mediante rapporti criptovalutari si è molto diffuso in Rete in questi ultimi anni. Le ragioni vanno ascritte soprattutto alla diminuita volatilità registrata dai mercati classici, che ha determinato un trasferimento dei volumi investiti sui mercati virtuali e su Bitcoin in particolare. In effetti le divise digitali hanno attirato molti operatori di Borsa, ingolositi dalle performance stellari dell’asset e dalla variabilità dei prezzi idonea a generare maggiori opportunità tecniche.

Quasi sicuramente tanti tra i lettori di valutevirtuali.com avranno sentito parlare di trading automatico e probabilmente vorranno saperne di più. Ebbene fare trading automatico significa affidare il proprio investimento ad un algoritmo progettato per produrre profitti dall’attività di scambio sui mercati finanziari.

Nel caso di Bitcoin, il trading, anche quello automatico, è oramai molto popolare tra i trader retails grazie ai recenti momenti positivi vissuti da quella che a tutti gli effetti si può definire come la più famosa delle criptovalute. Oggigiorno si parla davvero tanto di trading criptovalutario e a dimostrarlo ci pensa l’attenzione di chi fino a poco tempo fa non sapeva neppure il significato di speculazione online o che caratteristiche avessero le divise crittografiche. Chiariamo che molto spesso i traders alle prime armi si trovano spiazzati di fronte alla volatilità della criptovaluta.

Il valore di Bitcoin è oggetto di forti variazioni e se non si ha esperienza con le piattaforme di connessione ai mercati ad alto rendimento si rischia di non sfruttare a dovere le occasioni di trading. Bitcoin in poco tempo può salire molto, ma anche perdere terreno. Per questa ragione, prima di cimentarsi a livello pratico con il trading online è fondamentale fare delle prove magari in simulazione attraverso un conto demo. In questo modo è possibile abbassare di molto il rischio futuro di perdite. Gli strumenti utili a disposizione del trader, che a tutti gli effetti è un operatore di Borsa, sono piuttosto variegati.

Essi spaziano dagli indicatori di analisi tecnica alle news tecnologiche fino ad arrivare ai grafici, alla base dell’osservazione del prezzo. Questi strumenti appena menzionati costituiscono i parametri anche dei software che si occupano della gestione di un portafoglio di investimento, ed è per questo motivo che il trading automatico è una realtà concreta nel mondo della finanza.

Ciononostante è opportuno fare ancora molta attenzione alla numerosa pubblicità ingannevole sparsa su internet che reclamizza questo tipo di approccio con mala fede. Nello specifico si tratta di società fraudolente che promettono guadagni stratosferici in poco tempo grazie al trading automatico di Bitcoin. Quasi sempre infatti sono vere e proprie truffe, anche se non è ragionevole generalizzare dal momento che il trading automatico prevede anche alternative serie ed assolutamente affidabili come il broker online eToro.

Cominciando dalle specificità legate ai robot, gli sviluppatori di eToro hanno creato un sistema che senza troppa enfasi può definirsi rivoluzionario. Mi riferisco in sintesi ad un social trading generato ad hoc, in quanto eToro può definirsi un social network. Gli iscritti al broker dispongono di un profilo e possono scegliere se renderlo pubblico o meno. Tra le diverse possibilità c’è anche quella di scrivere il proprio punto di vista sui movimenti di Bitcoin e delle altre criptovalute.

Se si è iscritti è possibile osservare i profili degli altri, visionare chi è il trader che guadagna di più e quindi copiarlo nella propria attività speculativa. Grazie alla procedura appena descritta, che fa evolvere il meccanismo tradizionale del trading automatizzato, anche chi è alle prime esperienze può avvicinarsi al trading con Bitcoin senza elevata esposizione di rischio.

Non parlo di soldi facili, anche se una scelta lungimirante ed attenta dell’operatore semplifica moltissimo l’attività di trading. Una strategia potrebbe essere quella di scegliere più traders, in modo da diversificare gli investimenti. Quello che conta tuttavia è che eToro ha creato un ibrido tra trading automatico ed intelligenza umana, efficace quando si tratta di mettersi in gioco sui mercati finanziari e speculare sulle criptovalute. EToro è una piattaforma ideale per il trading di Bitcoin ed i vantaggi includono la possibilità di usare un conto demo per prendere confidenza con i meccanismi del programma e le oscillazioni dei prezzi.

In base a quanto abbiamo descritto emerge che fare trading automatico di Bitcoin non solo è possibile ma spesso anche molto conveniente. Prima di iniziare però è bene tenere a mente alcune precauzioni. Anzitutto è buona norma formarsi. Invero, se è possibile copiare le strategie dei traders migliori, la preparazione personale è essenziale per avere consapevolezza di quello che si sta facendo.

Se vuoi speculare sull'andamento delle criptovalute principali, clicca qui sotto:Confronto Piattaforme Broker >>

Un’ultima cosa è ricordare che al giorno d’oggi pagare commissioni per fare trading sulle criptovalute e altri asset è improponibile, perché il principale metodo di guadagno dei brokers è lo spread, ovvero il differenziale tra bid ed ask. Peraltro fare trading automatico di Bitcoin non significa acquistare direttamente la valuta, fattore che esporrebbe ad un rischio maggiore rispetto alla semplice replica dell’andamento dell’asset.

Di Vincenzo Augello