EOS: analisi di mercato settimanale (dal 23 Dicembre al 29 Dicembre 2019 su coppia BTC/EOS)

Domenica scorsa avevo scritto di essere bearish su EOS, in realtà negli ultimi sette giorni questa moneta si è rivalutata di un 10% rispetto a bitcoin, previsione sbagliata, quindi, e non c’è molto altro da dire; per altro la sensazione è che la pressione rialzista potrebbe proseguire ancora nei prossimi giorni ed EOS potrebbe anche riuscire a guadagnare un altro 10% abbondante, riportandosi in quota 0,0004BTC. Ovviamente è tutto sempre una questione di fiducia, per cui chi crede in questo progetto riesce ad andare long più a cuor leggero rispetto a chi, invece, come me nutre poca fiducia nei confronti di EOS; vero però che i grafici vanno guardati con un certo distacco e che quando si investe non è questione di simpatia o antipatia, andiamo quindi a dare subito un’occhiata ai grafici e proviamo a capire insieme cosa sta succedendo ad EOS.

BTC/EOS inversione o trappola per tori?

La principale difficoltà quando si tratta di prevedere che direzione prenderà il prezzo di EOS riguarda l’impossibilità di sfruttare il time frame 30D dal momento che parliamo di una moneta giovane e che per tanto sul grafico ci ritroviamo un numero esiguo di candele; l’alternativa è ripiegare sul grafico settimanale, il quale ci mostra che a partire da settembre EOS ha iniziato a costruire una grossa divergenza rialzista sull’RSI. Attenzione però perché questo non vuol dire molto, le divergenze possono essere anche invalidate e quello che vediamo sul grafico 7D, in assenza dei punti di riferimento rappresentati da supporti e resistenze storiche, potrebbe anche rivelarsi essere la formazione di un pattern di continuazione ribassista. Osservando il grafico 1D, infatti, le ichimoku cloud ci mostrano che siamo ancora in uno scenario ribassista e il MACD sembra stia formando una divergenza bearish; settando le bande di bollinger, poi, la sensazione è che l’attuale pressione rialzista dovrebbe esaurirsi a breve e rispedire EOS a toccare un nuovo minimo. Una prospettiva completamente differente ce l’abbiamo invece settando le medie mobili esponenziali a 20, 50 e 100 periodi; questo ci permette di notare come il prezzo si sia riportato sopra l’EMA20 e l’EMA50, la pressione dei tori, quindi, potrebbe proseguire fino a portare il prezzo a testare l’EMA100 in zona 0,00038BTC, a quel punto però il prezzo verrà inevitabilmente respinto. Spostandoci su un time frame inferiore, a quattro ore, notiamo però che l’EMA20 ha tagliato al rialzo sia l’EMA50 che l’EMA100 e che la stessa media mobile esponenziale a 50 periodi si appresta a fare altrettanto rispetto all’EMA100; questo è un segnale decisamente rialzista, manca però la convergenza di segnali rialzisti sui time frame superiori ed è questo che ci induce a diffidare di questo movimento di prezzo.

Previsione settimanale

Personalmente credo che il prezzo di EOS continuerà a crescere nei prossimi giorni fino ad arrivare intorno a quota 0,0004BTC, a quel punto però avremo un ritracciamento pesante e dovremo verificare se il prezzo metterà a segno un nuovo minimo o se la caduta si arresterà prima. Insomma, in questo momento sono ancora ribassista su EOS, anche se probabilmente mi sto sbagliando e avrò modo di ricredermi nel giro di un paio di settimane; anche se la mia lettura si rivelasse errata e saltasse fuori che siamo dentro una fase di inversione non è comunque il caso di farsi prendere dall’hype ora, se EOS dovesse essere rialzista ci sarà comunque un pull back nei prossimi giorni per cui quello che dobbiamo fare è continuare a monitorare la situazione per essere sicuri di non essere tagliati fuori qualora partisse un bull run.

Nota bene: questo post non intende fornire in alcun modo consigli di natura finanziaria relativi a come investire il vostro denaro ma ha finalità puramente didattiche, ValuteVirtuali non ha denaro investito in EOS.