Criptovalute, cosa sapere: ecco tutto quello che devi conoscere se ti avvicini per la prima volta a bitcoin e cripto

Le cose da sapere quando si parla di criptovalute sono un’infinità, scordati quindi di riuscire a trovare tutto ciò di cui hai bisogno in un singolo post e scordati di poter esaurire questo lavoro in poche settimane, ci vorranno mesi, forse anni. Chi volesse approfondire a dovere il discorso farebbe quindi bene a scaricare il nostro manuale sulle criptovalute, gratis ovviamente, per tutti gli altri proverò a riassumere schematicamente i passaggi che sono necessari fare. La prima cosa che bisogna sapere quando si parla di criptovalute è come funziona la tecnologia, per cui bisogna studiare la blockchain; ora, il tema è complesso ma tentiamo di definire gli aspetti fondamentali senza conoscere i quali non si va da nessuna parte. La prima cosa da studiare sono i protocolli di consenso, ad oggi ne esistono circa una quarantina, ma i principali sono probabilmente appena quattro o cinque; compreso come funzionano i protocolli di consenso sarà utile approfondire la conoscenza della crittografia. Non devi ovviamente diventare un programmatore per farlo, basta conoscere i rudimenti fondamentali per riuscire ad orientarsi all’interno dell’enorme offerta di criptovalute che offre il mercato. Una volta compreso come funziona la tecnologia bisogna iniziare ad approfondire quello che io chiamo “ecosistema”, per cui occorre fare delle ricerche che permettano di identificare chi sono i principali sviluppatori ad oggi e gli influencer; questo è particolarmente utile perché i progetti più interessanti sono anche quelli che attirano inevitabilmente gli sviluppatori più talentuosi. Una volta che avrai esaurito la dimensione tecnologica della questione potrai passare a quella economica; qui il consiglio è di non fermarsi allo studio del trading ma di estendere le proprie conoscenze in ambito economico, studiando i principi fondamentali dell’economia e della moneta, che sono importanti per avere un punto di vista esteso su quella che ormai sempre più persone iniziano a chiamare “cripto-economia”. Per quanto riguarda il trading la cosa fondamentale è anzi tutto imparare a leggere i grafici, quindi bisogna capire cosa rappresenta una candela e poi approfondire lo studio dei principali oscillatori e indicatori (io consiglio sempre MACD, Ichimoku cloud, RSI e punti pivot per partire) oltre che, ovviamente, imparare a tracciare correttamente supporti e resistenze. Tutte queste cose non si imparano in un giorno e, soprattutto all’inizio, si procede molto lentamente perché c’è tutta una terminologia che il neofita non può conoscere e che rallenta pesantemente il processo di apprendimento; superate le difficoltà iniziali, però, si riuscirà a procedere con maggior velocità e anche i concetti più ostici da apprendere verranno padroneggiati facilmente.