Opera sta per rilasciare una nuova versione del suo browser con un wallet per ciptovalute integrato: è l’inizio dell’era del web 3.0

nuovo browser opera
BONUS BITMEX

Nella giornata di oggi, con un comunicato stampa, Opera ha annunciato che a breve rilascerà una nuova versione del suo browser che integrerà una serie di funzioni native blockchain tra le quali un wallet per lo storage di criptovalute e una moneta nativa per permettere transazioni via web agli utenti. Questo nuovo browser prenderà il nome di “Reborn 3” e rappresenta chiaramente la nuova evoluzione di internet, il passaggio, cioè, da quello che viene chiamato web 2.0 al web 3.0. Tra le varie funzionalità che saranno messe a disposizione degli utenti anche una VPN integrata che migliorerà il livello di privacy e di sicurezza per gli utenti proteggendo i loro dati dalle ingerenze di terze parti e occultando la loro posizione geografica. Nel comunicato, tra le altre cose, Opera spiega che

“Ogni qual volta gli utenti avranno necessità di autenticarsi su un sito web 3.0 o di autorizzare una transazione riceveranno una notifica sul proprio telefono e potranno autorizzare queste operazioni usando il riconoscimento facciale o una impronta digitale per aumentare il livello di sicurezza”

Tutto questo rappresenta anche una grande comodità, perchè gli utenti non avranno più bisogno di compilare moduli di ogni tipo per registrarsi a un nuovo sito web, ma tutto avverrà in maniera più automatica e naturale; difficile non vedere come questo genere di mosse ricadano all’interno di una strategia più grande che Opera sta portando avanti per supportare la diffusione delle criptovalute. Già a marzo, infatti, l’azienda aveva annunciato il lancio imminente di Opera Touch per iOS, un browser dotato di un wallet integrato che supporta Ethereum (ETH) e interagosce con le DApps. Prima ancora, in Svezia, Norvegia e Danimarca si era inclusa nel browser una funzionalità che permetteva agli utenti di acquistare Ethereum tramite tramite il loro dispositivo Android. Tutto questo dimostra come, checchè ne dicano i detrattori, le criptovalute sono centrali per lo sviluppo del nuovo web 3.0, le due cose appaiono quindi strettamente correlate e non è infatti un caso che procedano di pari passo; per quanto proceda in maniera relativamente lenta, quindi, la rivoluzione è appena cominciata.