5 consigli per sopravvivere in un mercato Bear – #Criptovalute #Bitcoin

Il 2017 è stato l’anno d’oro delle criptovalute. Il Bitcoin è passato da una valutazione di poco superiore ai $1000 ai $6000 attuali, ma allora perché si parla di mercato Bear ed il sentimento sul Bitcoin è così negativo da qualche mese a questa parte?

La ragione principale sta nel grafico qui sotto, preso da https://valutevirtuali.com/bitcoin-quotazioni-storico/

Prima di raggiungere il livello attuale il BTC aveva raggiunto i $20000 Dollari e sin da allora, dalla fine di Dicembre, il mercato è in calo.

Ecco allora dei consigli pratici per affrontare un trend ribassista senza farsi prendere dal panico (e commettere errori).

1- Non stare incollato allo schermo a fissare un grafico. Se si crede nel progetto, nel Bitcoin, o nelle valute virtuali in genere, allora siamo dentro questo mercato per il lungo periodo e non è necessario badare ad ogni singola oscillazione di prezzo, anzi spesso è deleterio per la salute dei nostri nervi.

2 – Gestisci il rischio. Prima dell’investimento dovresti aver valutato attentamente quanto sei disposto a perdere. Se non lo hai ancora fatto allora decidi una soglia adesso e non oltrepassarla: non perdere mai soldi che ti possono servire per spese o progetti che hai preventivato per la vita reale.

3- Non cadere nella trappola dell’overtrading. Perdere tutto per cercare di rifarsi di quanto perso è uno degli errori più comuni di qualsiasi persona, ed è quanto più avvicina un trader ad un gambler. Quando si finisce per inseguire il profitto ad ogni costo e nel breve termine è facile cadere in questa trappola. Anzi direi che è inevitabile ed ogni trader prima o poi ci cade. L’importante è imparare dai propri errori e cercare di non ripeterli.

4- Studia, meglio se offline. Se vuoi essere un investitore o un trader o semplicemente orientarti in un mercato, è necessario che tu impari da chi ha fatto questo mestiere prima di te. I libri solitamente sono un’ottima fonte ed offrono approfondimenti difficilmente reperibili sui social o sui blog (lo dico contro l’interesse di questo sito). Leggendo dei libri sul trading si scoprono non solo tecniche e strategie utilizzate, ma anche il tipo d’investitore che siamo o che vogliamo essere, e che cosa è necessario per migliorarci.

5- Sii flessibile. Pur mantenendo i vincoli imposti dalla gestione del rischio che abbiamo detto al punto 2, bisogna prendere in considerazione che negli investimenti non ci sono verità o dogmi assoluti, nulla è bianco o nero ma ci sono molte sfumature che ognuno deve cercare prima di cogliere, e poi di elaborare senza porre innanzi il proprio ego, ma cercando invece di essere il quanto più obiettivi possibile.

… e non dimenticarsi che “Sempre dopo sole viene pioggia e dopo pioggia viene sole” (cit. Vujadin Boškov)