Monero: il prezzo vola sopra i $260, +200% in un mese

Tra le criptovalute a maggior capitalizzazione è Monero (XMR) a far segnare la migliore performance in quest’ultimo periodo.

Il token, che ha come funzione principale l’anonimità delle transazioni, ha iniziato un’ascesa travolgente da inizio Novembre, quando aveva toccato un minimo di $40.

Sfruttando il successo del Bitcoin di quest’ultimo mese, XMR veniva quotato circa $200 questo lunedì, prima di effettuare un altro balzo nella giornata di ieri.

È stato proprio nella giornata di ieri, Martedì 5 Dicembre, che Monero ha riportato uno degli incrementi più notevoli della sua storia, passando da una valutazione di poco superiore ai $200 fino ad un valore di $250. Ben $50 in più in una sola giornata di trading che corrispondono ad un aumento percentuale del 25% del proprio valore.

Perché Monero sta avendo successo

 Il motivo principale di questo boom è attribuibile al rinnovato interesse da parte dei Sud Coreani. Come vediamo dalla tabella sottostante, sull’exchange Coreano Bithumb si contano circa il 43% delle transazioni. Inoltre il Monero viene scambiato con un premio notevole su Bithumb: mentre sugli altri exchanges la quotazione è di circa $260 in Corea viene pagato più di $300.

Un fattore che potrebbe aver scatenato questo interesse da parte degli investitori in criptovalute è l’annuncio fatto dal ricercatore Jeffrey Quesnelle della University of Michigan-Dearborn.

In una pubblicazione Quesnelle ha esposto i propri dubbi riguardo la privatezza di un altro algoritmo, quello utilizzato dalla criptovaluta Zcash. Secondo il ricercatore il 31.5 percento delle transazioni effettuate tramite l’algoritmo di Zcash, ovvero il zk-SNARKS, sarebbero riconducibili all’indirizzo da cui vengono originate, facendo così mancare una prerogativa principale per l’utilizzo della criptovaluta.

Questo avrebbe così favorito l’ascesa di Monero che dalla community dei crypto-users viene adesso visto come una delle migliori alternative in termini di privacy.

Qualcuno non ha perso tempo per prendersi una rivincita. Riccardo Spagni, Sviluppatore Sud Africano e lead dev di Monero, si è subito vendicato delle dichiarazione di Edward Snowden, che sempre a mezzo Twitter verso la fine di Settembre aveva espresso le sue perplessità riguardo la professionalità del progetto di Monero. Il mondo delle cripto è anche questo…