L’indicatore MACD: lettura e considerazioni tecniche

E’ molto probabile che un trader alla ricerca delle giuste chiavi di lettura dei mercati, che voglia aggiungere un miglioramento alla sua operatività, non possa fare a meno del MACD. Il MACD può dimostrarsi spesso la soluzione al nostro trading, essendo tra l’altro tra gli indicatori più adoperati dagli operatori professionisti. Sul MACD invero si fondano molti trading system utilizzati dai traders, i quali vi trovano un valido alleato semplice da interpretare.

Non a caso uno degli scopi del portale valutevirtuali.com è quello di proporre soluzioni semplici ma funzionali che possano calzare con qualsiasi tipologia di investitore.

D’altra parte, in analisi tecnica, non sempre difficile è sinonimo di migliore. Il MACD, che sta per Moving Average Convergence Divergence ovvero media mobile, convergenza, divergenza, è capace di fornire un vantaggio strategico a coloro i quali basano il proprio modus operandi sulla statistica. In effetti nel trading non ci si può aspettare la certezza assoluta degli eventi, ma utilizzare il MACD sul piano operativo può spostare dalla nostra parte i grandi numeri.

In buona sostanza, la statistica nel trading é la cosa più importante ed anche mediante questo indicatore si ha la possibilità di rendersene conto, notando quasi sempre la differenza in termini di riscontro economico. Nel dettaglio, la statistica più efficace e funzionale resta quella relativa al lungo periodo dove i risultati raggiunti con un trading analitico possono rivelarsi realmente sbalorditivi. Ci tengo a precisare tuttavia, che l’indicatore MACD servirebbe a poco qualora si operasse con piattaforme inaffidabili o che applicano elevate commissioni, come nel caso dei principali software delle banche. Di conseguenza, consiglio sempre di valutare i programmi di trading proposti dai brokers online.

Ottime piattaforme, degne di fiducia, sono anche quelle pubblicizzate su valutevirtuali.com. Tornando al MACD, l’indicatore non è diventato celebre casualmente. Gli investitori infatti lo hanno scelto perché la sua efficacia è stata dimostrata in molte centinaia di operazioni finanziarie. In breve, i riferimenti restituiti dal MACD si sono rivelati un vero e proprio sostegno per piazzare ordini a mercato coerenti e risolutivi.

Nello specifico il MACD si è mostrato vincente 6 volte su 10, e se adoperato in combinazione con altri indicatori è in grado di offrire una statistica ancora migliore. Se ciò da una parte porta ad aumentare i profitti, dall’altra comporta un incremento notevole del denaro risparmiato in termini di perdite.

INDICATORE MACD : UTILIZZARLO NEL TRADING

Come abbiamo già premesso l’indicatore prende il nome dalla circostanza che è in grado di misurare la convergenza e la divergenza di due medie mobili. Abbiamo una convergenza quando le due medie mobili si avvicinano, mentre si ha una divergenza quando due date medie mobili di allontanano.

La prima cosa che è osservabile nel MACD sono le barre verticali, ovvero l’istogramma noto anche con il nome di Central Line, o linea dello zero. L’istogramma da sé restituisce segnali di acquisto o di vendita in modo esplicito. Di fatto quando esso scende sotto la linea dello zero rilascia un segnale di vendita, mentre quando esso si muove sopra la linea dello zero si ottiene un segnale di acquisto.

Le linee del MACD a differenza dell’istogramma replicano il mercato mostrandone la tendenza, l’istogramma però è capace di seguire meglio il sentiment di una piazza finanziaria, misurando la differenza di ampiezza maggiore o minore che può rappresentare. In concreto, nel momento in cui l’istogramma si restringe fino ad appiattirsi parallelamente alla linea dello zero, la tendenza sta perdendo la sua forza ed il mercato si avvia ad una fase di stallo, oppure siamo prossimi ad una inversione di trend.

Per quanto riguarda gli altri elementi del MACD, segnalo la linea blu nel grafico, detta Macd Line, che è la risultante dei calcoli fatti sulla differenza tra una media mobile esponenziale a 12 periodi ed una media EMA a 26 periodi. La linea rossa poi, sempre in figura, chiamata Signal Line è una media mobile esponenziale a 9 periodi, che consente di sottolineare la convergenza o la divergenza dell’indicatore.

Si ha un segnale di acquisto quando la Macd Line supera dal basso verso l’alto la Signal Line. Mentre possiamo sfruttare un segnale di vendita quando la Macd Line supera dall’alto verso il basso la Signal Line. Inoltre se la Signal Line diverge molto dalla Macd Line, e quindi il MACD aumenta, è possibile che i prezzi siano in ipertendenza offrendo un segnale di eventuale fine trend.

Se vuoi speculare sull'andamento delle criptovalute principali, clicca qui sotto:Confronto Piattaforme Broker >>

Importanti sono anche le divergenze con i prezzi che l’indicatore è capace di evidenziare, anticipando una inversione di trend. Abbiamo una divergenza ribassista, e possibile reverse dovish, se il MACD mostra nuovi minimi mentre le quotazioni non segnano allo stesso momento nuovi minimi. Una divergenza rialzista si ha invece allorché il MACD segna nuovi massimi ma i prezzi non fanno altrettanto, anticipando una inversione long del mercato. Entrambe queste divergenze risultano molto significative quando si formano rispettivamente a ridosso di livelli di ipercomprato e ipervenduto. Grafico BTCUSD by tradingview

Di Vincenzo Augello