Il Mercato sotto la Lente BTCUSD & BTCEUR – 2 Maggio 2018

BTCUSD

Per il principale cambio criptovalutario il mese appena trascorso si è concluso confermando una fase di consolidamento al di sopra del livello di attivazione long calcolato attorno gli 8400 dollari per Bitcoin.  Quella degli 8400$ rappresenta infatti un’area supportiva che potrebbe sostenere l’allungo, dal rimbalzo avvenuto in aprile ai 6600 dollari. Il mese di aprile si chiude con un bilancio più che positivo, ovvero con un +40% da inizio mese e soprattutto nel segno di un ritrovato slancio dopo la debacle invernale. Parliamo di circostanziati progressi che confermano la pronunciata inversione del trend avvenuta nelle ultime settimane, permettendo alla maggiore currency digitale di recuperare quasi 3000 dollari dai minimi di inizio aprile, quando la moneta virtuale quotava in area 6000 dollari, dopo tre mesi di ribassi dal record dei quasi 20000 dollari toccato a dicembre 2017. Dal lato prettamente tecnico le bande di bollinger evidenziano un marcato ciclo di compressione che attualmente toglie spazio alla volatilità, il cambio infatti tende a muoversi in trading range tra i 9000 ed i 9500 dollari di valore di mercato. Gli operatori rimangono tuttavia fiduciosi e l’eventuale superamento della resistenza statica individuata proprio ai 9500 dollari potrebbe consentire una più robusta estensione verso il livello 10000$ , al momento target di breve e medio periodo. Convalidiamo invece come pericolosa una discesa sotto gli 8400$. Grafico BTCUSD by tradingview

BTCEUR

Il clima di migliorata fiducia sostiene anche le quotazioni del cambio BTCEUR. In verità, dopo la fuga dagli investimenti criptovalutari avvenuta nei primi tre mesi del 2018, generata da un inarrestabile flusso di aggiornamenti critici, BTC rispetto alla moneta unica europea ha finalmente mostrato segni di ripresa. La moneta digitale infatti seguita a lateralizzare sopra i 7000 euro con un ciclo di consolidamento che potrebbe garantire più significativi rialzi nel breve termine. Dall’osservazione grafica emerge tuttavia che solo l’attraversamento long di quota 8000 euro consentirebbe al mercato di rivalutarsi con maggiore efficacia, puntando in un secondo momento all’obiettivo più ambizioso calcolabile attorno i 9000 euro per Bitcoin. Sul versante ribassista, la minaccia di un eventuale storno e del ripristino delle vendite si avrebbe solo dopo l’assenza di falso segnale short sotto quota 7100 euro, area in cui segnaliamo una robusta struttura di prezzo dove tuttora prevale l’interesse dei compratori su quello dei venditori. Ciononostante il sentiment resta positivo e i dati sulla capitalizzazione complessiva del settore criptovalutario segnalano importanti progressi, invero il mercato globale delle 1600 monete monitorate da Coinmarketcap risale quest’oggi oltre i 420 miliardi di dollari, numeri che attualmente dimezzano le probabilità di rischiosi drawdown della piazza di riferimento. Grafico BTCEUR by tradingview

Di Vincenzo Augello

Se vuoi speculare sull'andamento delle criptovalute principali, clicca qui sotto:Confronto Piattaforme Broker >>