Come fare soldi con le criptovalute e i masternode

Il mining non è l’unico modo per ottenere dei ritorni nel mondo delle criptovalute. Infatti ci sono criptovalute che permettono di ottenere dei dividendi dal mantenimento di un masternode. Ci sono diverse criptovalute che fanno uso dei masternode, tra le quali Dash, PIVX e Crown.

Ma che cos’è un masternode e come funziona?

I masternode sono dei server che offrono dei servizi alla rete di una criptovaluta. Ad esempio, nel caso di Dash, i masternode abilitano i servizi di InstantSend, PrivateSend ed il Treasury System.

Per creare un masternode si deve far girare uno specifico programma su di un server. Questo però non basta: dal momento che i masternode garantiscono un ritorno a coloro che li mantengono, ovvero i masternode owners, è necessario bloccare un certo quantitativo minimo di criptovaluta su di un wallet. Sempre nel caso di DASH, ne occorrono 1000 per essere proprietari di un masternode.

Il vantaggio dei masternode è che garantiscono un ritorno, più o meno fisso, nella criptovaluta stessa. Ad esempio un masternode DASH garantisce un ritorno circa del 9% annuo di quanto “bloccato” in criptovaluta DASH. Il ritorno è abbastanza stabile per le criptovalute più conosciute, ma può variare a seconda del numero di masternode totali che vengono mantenuti. Ogni criptovaluta poi ha le proprie regole sulle metodologie e sui termini di pagamento.

I masternode owners hanno anche un altro onere: oltre contribuire al funzionamento della rete sono tenuti a votare le proposte che vengono effettuate dalla community. Tali proposte solitamente sono inerenti allo sviluppo dell’ecosistema della criptovaluta stessa e possono riguardare iniziative di marketing, di sviluppo di funzionalità non core, partnerships o simili.

Coloro che creano le proposte sono a loro volta incentivati a portarle a termine in modo da poter richiedere ulteriori fondi in futuro. I fondi in questione sono rilasciati dal Treasury stesso della criptovaluta. Il Treasury non è altro che un fondo dove viene accantonata una certa percentuale della criptovaluta proprio per garantire lo sviluppo delle iniziative della rete.

Quali sono le criptovalute con i masternodes ed i relativi rendimenti?

 Nella seguente lista abbiamo riassunto le criptovalute più capitalizzate (secondo coinmarketcap) che utilizzano il meccanismo dei masternodes. I dati della tabella provengono da: http://www.cryptonode.co.

Nome Capitalizzazione Numero minimo di Coins Costo del nodo Rendimento Mensile R.O.I. Annuo
Dash 533,539฿ 1,000 69.24฿ 0.50฿ 0.72%
PIVX 21,017฿ 10,000 3.82฿ 0.02฿ 0.52%
Crown 2,628฿ 10,000 1.63฿ 0.03฿ 2.11%
MonetaryUnit 2,159฿ 500,000 8.78฿ 0.14฿ 1.62%
BitSend 2,028฿ 25,000 2.94฿ 0.15฿ 4.97%
TransferCoin 1,358฿ 10,000 2.19฿ 0.07฿ 3.22%

Come si vede dalla tabella, i masternode owners di Dash guadagnano in media 0.5 Bitcoin al mese, il che corrisponde a circa $4000 secondo la quotazione attuale. L’investimento necessario per acquistare un masternode Dash è però superiore al mezzo milione di Dollari USA, sicuramente una bella somma alla portata di pochi. Il rendimento degli altri progetti, incluso PIVX che ha subito un picco del prezzo a marzo per poi riscendere nei mesi successivi, è decisamente inferiore, ma d’altronde il prezzo per acquistare un masternode è decisamente più alla portata.

Pro e contro dell’investimento in masternode

I masternode possono costituire una buona rendita passiva, ma tutto va commisurato al costo per entrare nel progetto. Ad esempio, 1000 Dash potevano non essere una cifra così proibitiva lo scorso anno. D’altronde mantenere un masternode da diritto di voto e costituisce una responsabilità nello sviluppo del progetto stesso. Il Treasury fund di Dash attualmente mette a disposizione più di 3 milioni di Dollari per lo sviluppo di nuovi progetti, è ovvio che il diritto di voto per l’allocazione di tali fondi non possa essere dato a chiunque abbia un pc connesso.

Se vuoi speculare sull'andamento delle criptovalute principali, clicca qui sotto:Confronto Piattaforme Broker >>

D’altro canto c’è un rischio intrinseco anche nel fatto di aver accantonato somme importanti, o comunque una percentuale molto sostanziale dei propri investimenti, in una sola criptovaluta. Un hackeraggio o una perdita di interesse da parte di altri masternode owners potrebbero far crollare le quotazioni della criptovaluta e di conseguenza ridurre notevolmente il valore dei propri investimenti. È sempre consigliabile mantenere i propri fondi su più criptovalute in modo da renderli più resistenti alle singole cricitità.

Come si fa stabilire se sia più conveniente investire su una criptovaluta e mantenersi la possibilità di venderla in un qualsiasi momento oppure fare un investimento più statico ed a lungo termine ma con rendimento stabile?

In un periodo di alta volatilità come questo la mera speculazione sembrerebbe rendere di più. Allo stesso tempo un investimento in una criptovaluta che può anche garantire dei rendimenti certi, se si crede nel progetto e si vuol contribuire allo sviluppo, potrebbe rivelarsi più redditizio nel futuro.

In ogni caso è sempre meglio studiare bene il progetto, capire quali siano le intenzioni della community e soprattutto rispettare la prima regola del trading: non investire più di quello che ci si possa permettere di perdere!